La Russia di Putin dichiara 'agente straniero' pure il Wwf
Top

La Russia di Putin dichiara 'agente straniero' pure il Wwf

Secondo il Ministero della Giustizia russo il Wwf con il pretesto di attività a tutela della natura e dell'ambiente, ha cercato di influenzare le decisioni delle autorità

La Russia di Putin dichiara 'agente straniero' pure il Wwf
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Marzo 2023 - 21.42


ATF

Siamo al di là del bene e del male: la Russia di Putin è riuscita a dichiarare “agente straniero” pure il Wwf. Il Ministero della Giustizia della Federazione Russa lo ha fatto questa sera, aggiornando la lista nera

Un ingresso incredibile che se non fosse il tassello di una situazione drammatica, farebbe ridere a crepapelle. Il registro degli “agenti stranieri” oggi si è arricchito dell’economista Sergei Guriev, Gli fanno compagnia il politico Gennady Gudkov, l’ex capo di Yandex.News e creatore dell’aggregatore True Story Lev Gershenzon, la blogger Nika Vodwood, il giornalista Daniil Gubarev, nonché la Free Buryatia Foundation e il Wildlife Fund (Wwf). 

Secondo il ministero, in particolare, Sergei Guriev “ha parlato negativamente dei militari delle Forze armate della Federazione Russa” ed anche “diffuso attraverso, pubblicazioni straniere, false informazioni sulle decisioni prese dagli organi statali della Federazione Russa e sulla politica perseguita da loro”. 

I rappresentanti del Wwf, secondo il Ministero della Giustizia, “con il pretesto di attività a tutela della natura e dell’ambiente, hanno cercato di influenzare le decisioni delle autorità esecutive e legislative della Federazione Russa, ostacolato l’attuazione di progetti industriali e infrastrutturali”.

Leggi anche:  L'assalto a Kharkiv e le strategie di Putin

 Il Wwf non si è scomposto, ha dichiarato che continuerà a “proteggere rare specie di animali e preservare la natura della Russia, adempiendo ai suoi obblighi”.

Native

Articoli correlati