Il Wwf contro il governo Meloni: "Sul Ponte sullo Stretto fanno il gioco delle tre carte"
Top

Il Wwf contro il governo Meloni: "Sul Ponte sullo Stretto fanno il gioco delle tre carte"

Il Wwf contro il governo Meloni: «Nella Manovra si fa il gioco delle tre carte sulle risorse pubbliche necessarie e sull'impatto ambientale del Ponte sullo Stretto di Messina». 

Il Wwf contro il governo Meloni: "Sul Ponte sullo Stretto fanno il gioco delle tre carte"
Il Ponte sullo Stretto di Messina
Preroll

globalist Modifica articolo

27 Ottobre 2023 - 16.34


ATF

La Manovra del governo Meloni è disastrosa ancor prima di vedere la luce. Le feroci critiche dell’opposizione si uniscono alle liti interne alla maggioranza, ma anche le associazioni civili fanno sentire la propria voce. E’ il caso del Wwf, che ha criticato la destra in merito alla questione Ponte sullo Stretto.

«Nella Manovra si fa il gioco delle tre carte sulle risorse pubbliche necessarie e sull’impatto ambientale del Ponte sullo Stretto di Messina. Chiediamo di azzerare tutte le norme che hanno portato al rilancio di un’opera non sostenibile dal punto di vista economico-finanziario, sociale, e ambientale». Secondo l’associazione ambientalista «in una stagione di carenza di risorse economico-finanziarie da dedicare alle politiche sociali e alla manutenzione del territorio, si ipoteca il futuro del Paese per realizzare l’opera fallimentare del ponte sullo Stretto di Messina». 

«Il governo fa il gioco delle tre carte sui fondi pubblici realmente disponibili per realizzare il ponte e, nonostante ciò, procede a tappe forzate – osserva il Wwf – nelle ultime bozze dalla Manovra il governo dice di voler stanziare dal 2024 al 2032 11,630 miliardi di euro quando invece nel Def aveva calcolato prudenzialmente che ci fosse bisogno di almeno 14,6 miliardi di euro (compresi i costi dei collegamenti ferroviari e non di quelli stradali) e nel contempo stabilisce di dover reperire ulteriori risorse ogni anno, dal momento dell’apertura dei cantieri».

Leggi anche:  Sardegna, Conte (M5s): "Per Giorgia Meloni è una sconfitta pesante, ha perso la faccia"

Il governo – dice il Wwf – «evidentemente non conosce nemmeno i costi finali necessari alla realizzazione dell’opera, costi che dipendono anche dalle necessarie valutazioni di impatto ambientale sinora non concluse. Le forzature erano iniziate con la Manovra 2023 – ricorda il Wwf – con la quale il governo ha rilanciato il progetto del ponte sullo Stretto di Messina quale opera primaria di interesse nazionale e ha revocato lo stato di liquidazione della concessionaria pubblica Stretto di Messina spa (ricapitalizzata con 50 milioni di euro). Mentre con il decreto legge n. 35 del 2023 è stata definita una roadmap per il rilancio della concessione e del progetto definitivo del 2010 del ponte sullo Stretto di Messina, elaborato dal general contractor Eurolink (capeggiato da Webuild) a cui ha deciso di affidare, senza gara, la progettazione definitiva e la realizzazione dell’opera». 

Ma avverte il Wwf «ad oggi non esiste un Piano economico-finanziario che attesti la redditività dell’intervento, né una Valutazione di impatto ambientale che dimostri la sostenibilità degli interventi. Anzi, il ponte non si ripagherebbe: ogni giorno si muovono tra le due sponde non più di 4.500 persone e il 76,2% degli spostamenti dei passeggeri è locale e senza auto al seguito. Né è superabile la Valutazione di incidenza negativa, resa nel 2013 dalla commissione tecnica Via-Vas, dato che l’intera area dello Stretto Messina è ricompresa in due Zone di protezione speciale, tutelate dall’Europa». Quindi il Wwf chiede «di azzerare tutte le norme che hanno portato al rilancio di un’opera non sostenibile dal punto di vista economico-finanziario, sociale, e ambientale».

Native

Articoli correlati