Israele, il demolition derby di Netanyahu e dei suo ministri di estrema destra
Top

Israele, il demolition derby di Netanyahu e dei suo ministri di estrema destra

Il magnifico edificio della democrazia israeliana e il suo sistema giudiziario ferocemente indipendente sono sotto attacco. L'attacco è guidato da Benjamin Netanyahu

Israele, il demolition derby di Netanyahu e dei suo ministri di estrema destra
Benjamin Netanyahu
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

17 Gennaio 2023 - 17.35


ATF

Netanyahu e il “demolition derby” all’israeliana. Ovvero, come un governo sta smantellando uno Stato di diritto.

“Demolition derby”

Chuck Freilich, ex vice consigliere per la sicurezza nazionale in Israele, è autore di “Zion’s Dilemma:  How Israel Makes National Security Policy”, “Israeli National Security: A New Strategy for an Era of Change” e del prossimo “Israel and the Cyber Threat: How the Startup Nation Became a Global Superpower”.


Scrive Freilich su Haaretz: “Come in molti settori della nostra vita nazionale, Israele ha adottato un contributo americano unico alla cultura mondiale: il demolition derby – e ha alzato la posta in gioco. Nell’originale statunitense, i conducenti si scontrano e demoliscono deliberatamente le auto degli altri. Nella versione israeliana, molto più sofisticata, sono le istituzioni statali a essere demolite.


Il magnifico edificio della democrazia israeliana e il suo sistema giudiziario ferocemente indipendente sono sotto attacco. L’attacco è guidato da Benjamin Netanyahu, un premier determinato a fare di tutto per evitare una probabile condanna al carcere, e da un ministro della Giustizia, Yariv Levin, motivato da un’inspiegabile cattiveria nei confronti della stessa magistratura di cui ora è responsabile ministeriale.


Solo chi è intenzionalmente cieco può credere che la “riforma” proposta sia davvero pensata per risolvere le sue presunte disfunzioni. La modifica di maggiore portata, una “clausola di annullamento”, consentirebbe alla Knesset di annullare le decisioni della Corte Suprema con una maggioranza semplice di 61 seggi sui 120 totali. Se la maggioranza proposta fosse stata di due terzi o tre quarti (80-90 seggi), cioè un insolito e imponente consenso della Knesset, la proposta avrebbe potuto avere qualche merito. Ma si tratta di un’autentica presa di potere. Inoltre, la Corte sarebbe autorizzata a bocciare la legislazione solo con una maggioranza inaudita e funzionalmente impossibile di 12 giudici su 15. Nei sistemi parlamentari, la separazione dei poteri tra il ramo legislativo e quello esecutivo è molto limitata. La nuova legge lascerebbe quindi Israele con un unico ramo del governo. L’esecutivo proporrebbe la legislazione; una Knesset asservita la adotterebbe, di fatto automaticamente; e sarebbe soggetta a revisione giudiziaria che può essere annullata da coloro che l’hanno proposta per cominciare. La volpe farebbe la guardia al pollaio.

Leggi anche:  Netanyahu nega che a Gaza si faccia la fame


Una seconda modifica garantirebbe alla coalizione di governo una chiara maggioranza nella commissione che nomina i giudici, compresi i giudici della Corte Suprema, politicizzando così quello che storicamente è un processo non partitico. I politici, compresi quelli sotto accusa, sarebbero autorizzati a nominare i propri giudici. Certamente conveniente.


Un terzo cambiamento eliminerebbe il criterio di “ragionevolezza” che i tribunali hanno utilizzato per valutare la (cattiva) condotta dei governi. Per puro caso, e per quanto scioccante possa essere, la Corte Suprema potrebbe voler applicare questo criterio nel caso ora in esame, relativo alla nomina di Arye Dery a ministro (Netanyahu vuole nominarlo anche vice primo ministro).


Dery, un recidivo che ha scontato una pena in carcere, è stato condannato appena un anno fa per evasione fiscale e gli è stata concessa la sospensione della pena in cambio del suo ritiro dalla vita pubblica. Invece, ora sarà sia ministro della Sanità che degli Interni e successivamente diventerà ministro delle Finanze, una posizione per la quale è particolarmente qualificato. Chi meglio di un esperto evasore fiscale può sorvegliare i contribuenti recalcitranti di Israele?


Due ultime modifiche indebolirebbero ulteriormente lo Stato di diritto israeliano. La posizione del procuratore generale verrebbe divisa in due – consulente legale del gabinetto e procuratore capo – e i consulenti legali dei vari ministeri verrebbero nominati dai rispettivi ministri, non dal procuratore generale. È ovviamente un caso fortuito che il nuovo procuratore capo, nominato dal gabinetto, abbia l’autorità di porre fine al processo di Netanyahu.


Il cambiamento di status dei consulenti legali consentirebbe essenzialmente ai ministri di determinare la legalità delle proposte di legge e di far sì che la Corte Suprema, i cui membri sono stati nominati, dia l’approvazione finale.


Il Presidente della Corte Suprema di Israele, Esther Hayut, ha definito i cambiamenti previsti un “attacco sfrenato… (progettato) per distruggere il sistema legale di Israele… e un colpo mortale all’identità democratica di Israele”. L’ex Presidente della Corte Suprema, Aharon Barak, ha dichiarato che tali modifiche costituiscono “un chiaro e attuale pericolo per la democrazia israeliana”. Sia lui che l’ex giudice Menachem Mazuz hanno avvertito che Israele rimarrà di fatto con un solo ramo del governo. Undici ex procuratori generali e pubblici ministeri hanno avvertito congiuntamente che i cambiamenti “distruggeranno” il sistema giudiziario israeliano e consentiranno alla maggioranza della coalizione di approvare qualsiasi azione di governo.

Leggi anche:  Netanyahu nega che a Gaza si faccia la fame


Netanyahu e Levin hanno cercato di giustificare i cambiamenti con ragioni maggioritarie: la coalizione rappresenta la volontà della maggioranza. È vero, ma un principio fondamentale della democrazia è la garanzia dei diritti delle minoranze attraverso un chiaro piano di separazione dei poteri e un forte sistema giudiziario. Inoltre, la coalizione non rappresenta veramente la volontà della maggioranza. Una stranezza del sistema elettorale israeliano ha trasformato una maggioranza popolare di poche migliaia di voti (meno dell’1% dei voti espressi) in una chiara maggioranza della Knesset. Anche la macchina governativa di Israele è sotto attacco. Sono stati istituiti nuovi ministeri e sono stati nominati direttori generali (i principali burocrati), unicamente per motivi politici. Né l’uno né l’altro fenomeno sono inediti, ma mai con tanta disinvoltura.


Per soddisfare i rapaci partner Haredi (ultraortodossi) della coalizione, i titoli di studio della yeshiva, non solo quelli accademici, saranno ora accettati come base per l’impiego nel servizio pubblico. Secondo quanto riferito, è in corso una caccia alle streghe per licenziare i dipendenti pubblici assunti sotto il precedente governo e, come ovvio, per cacciare i detective e gli investigatori della polizia coinvolti nei casi di Netanyahu.


In particolare, due ministeri condivideranno la responsabilità degli affari in Cisgiordania con il Ministero della Difesa. Il Ministero della Sicurezza Nazionale di Itamar Ben-Gvir avrà il controllo sulla Polizia di Frontiera, responsabile finora di gran parte degli affari quotidiani di sicurezza a Gerusalemme Est e in Cisgiordania.
Ben-Gvir è un criminale seriale ultranazionalista, condannato otto volte, anche per incitamento al terrorismo. Da quando è stato nominato, ha già inscenato una visita intenzionalmente provocatoria al Monte del Tempio e la Polizia di frontiera potrebbe ora essere utilizzata per scopi di incendio politico. Il Ministro delle Finanze, Betzalel Smotrich, è un uomo di fuoco altrettanto radicale, arrestato con l’accusa di aver complottato un attacco terroristico. Ora sarà responsabile dell’amministrazione civile in Cisgiordania, con grande influenza sugli affari palestinesi e sulla politica degli insediamenti.


Il Capo di Stato Maggiore uscente ha avvertito che i cambiamenti avrebbero creato una situazione insostenibile in cui l’IDF avrebbe dovuto riferire a più ministri e ha sottolineato, con una dichiarazione al limite dell’insubordinazione, che l’IDF accetterà ordini solo dal Ministro della Difesa. Inutile dire che solo i pusillanimi di sinistra danno importanza all’integrità e alla forza dell’IDF.

Leggi anche:  Netanyahu nega che a Gaza si faccia la fame


La vile visita di Ben-Gvir al Monte del Tempio, una gita di soli 13 minuti durante la mattina presto, quando il complesso era vuoto, insieme alle “riforme” giudiziarie proposte e ad altri cambiamenti intrapresi dal nuovo governo, hanno già danneggiato le relazioni estere di Israele. La visita di Netanyahu negli Emirati Arabi Uniti è stata annullata e la normalizzazione con l’Arabia Saudita è deragliata.


Israele è stato condannato da quasi tutta la comunità internazionale e i legami con gli Stati Uniti sono tesi. Il Consiglio di Sicurezza si è riunito in sessione d’emergenza e l’Assemblea Generale ha chiesto alla Corte penale internazionale dell’Aia di pronunciarsi sulla legalità dell’occupazione e dell’annessione de facto. Finché la Corte Suprema di Israele ha esercitato un’efficace supervisione giudiziaria, la Corte penale internazionale non aveva la giurisdizione per intervenire, ma ora le cose potrebbero cambiare. I funzionari israeliani che viaggiano all’estero potrebbero essere esposti ad accuse di “crimini di guerra”.


Se questi e altri oltraggi di politica interna non fossero sufficienti, la coalizione ha deciso di esacerbare i legami con la diaspora ebraica. In base a una modifica della Legge del Ritorno, i figli di un solo nonno ebreo non saranno più considerati ebrei e potranno ottenere automaticamente la cittadinanza israeliana. Ebbene, chi ha bisogno della diaspora?


È solo questione di tempo, prima che ulteriori provocazioni da parte di Ben-Gvir, Smotrich e i loro simili, portino presto a un nuovo conflitto con gli arabi israeliani, i palestinesi, Hezbollah e Hamas. Per ora, si accontentano di lasciare che Israele si autodemolisca. Quando accadrà, il prossimo conflitto potrebbe non essere limitato a Gaza. Invece di procedere con la dovuta prudenza e rispetto del processo, Netanyahu e Levin stanno conducendo un derby di demolizione legale. Le riforme proposte trasformeranno Israele in una democrazia illiberale, simile alla Turchia e all’Ungheria. Non è quello che eravamo, e certamente non è quello che vogliamo diventare”.
Così Freilich. 

Ma in Italia gli ultras d’Israele, sempre e comunque, fanno finta di non saperlo.


Native

Articoli correlati