Top

L'uccisione di Shireen Abu Akleh: Israele si specchia nella sua vergogna

L’uccisione di Shireen Abu Akleh pesa come una montagna sulla coscienza dello Stato ebraico. Che si specchia con la sua vergogna. 

L'uccisione di Shireen Abu Akleh: Israele si specchia nella sua vergogna
Shireen Abu Akleh

Umberto De Giovannangeli

12 Maggio 2022 - 21.40


Preroll

Israele arranca. Prova a giustificare l’ingiustificabile. Promette verità e giustizia, ma sono in pochi a crederci. Fuori e dentro Israele. L’uccisione di Shireen Abu Akleh pesa come una montagna sulla coscienza dello Stato ebraico. Che si specchia con la sua vergogna. 

OutStream Desktop
Top right Mobile

A darne conto sono l’editoriale di Haaretz e il potente j’accuse di una delle firme storiche del quotidiano progressista di Tel Aviv: Gideon Levy.

Middle placement Mobile

Una morte  sulla coscienza

Dynamic 1

Così Haaretz: “”Shireen Abu Akleh, Al Jazeera, Palestina”, è una frase familiare in ogni casa palestinese e araba. Questa era la firma di tutti i servizi della giornalista Shireen Abu Akleh, uccisa ieri a Jenin da un colpo di arma da fuoco. Per gli occhi e le orecchie dei palestinesi, questa frase e la stessa Abu Akleh rappresentavano la lotta per un vero e coraggioso reportage giornalistico su ciò che accade sotto l’occupazione.

Con la sua morte, Abu Akleh è diventata anche un simbolo della brutalità dell’occupazione israeliana in Cisgiordania e un simbolo della violazione della libertà di stampa. I portavoce ufficiali israeliani si sono affrettati a dare la colpa della sua morte agli uomini armati palestinesi che hanno sparato contro i soldati durante un’operazione di arresto a Jenin. Ma al momento della stesura di questo articolo, Israele non ha presentato prove che dimostrino che non sono stati i soldati delle Forze di Difesa Israeliane a sparare alla testa della giornalista.

Dynamic 2

Né Israele ha espresso ufficialmente il proprio rammarico per la morte del giornalista. E come se non bastasse, ieri pomeriggio la polizia si è recata a casa della famiglia in lutto e ha chiesto la rimozione di alcune bandiere palestinesi sventolate sulla casa. Questo, nonostante si tratti della bandiera dell’Autorità Palestinese e chiunque abbia il diritto di sventolarla. La cosa più preoccupante è che l’Idf e la polizia si sono davvero guadagnati la sfiducia dei palestinesi e del resto del mondo quando si tratta di proteggere la libertà di movimento e la sicurezza dei giornalisti palestinesi. Negli ultimi anni, ci sono state decine di casi in cui i giornalisti in Cisgiordania e a Gerusalemme Est sono stati deliberatamente danneggiati da agenti di polizia e soldati. La maggior parte, se non la totalità, di questi casi non ha portato alla formulazione di accuse contro l’agente di polizia o il soldato.

Nel 2018, il giornalista palestinese Ahmed Abu Hussein è stato colpito in circostanze simili durante gli scontri vicino alla barriera di confine con Gaza. Non c’è quasi nessun giornalista palestinese di Gerusalemme Est che non sia stato colpito da un proiettile di gomma, picchiato con un bastone o ferito da una granata stordente negli ultimi anni. La maggior parte di loro ha sperimentato tutte queste cose, e più di una volta. Gran parte di questi incidenti sono stati filmati e si vede chiaramente che la violenza è avvenuta senza motivo. La divisione per le indagini interne della polizia ha aperto diverse indagini, ma non sono state formulate accuse in nessuno dei casi.

Dynamic 3

Il governo dovrebbe rilasciare immediatamente una dichiarazione di rammarico per la morte di Abu Akleh e annunciare che accetterà un’indagine sull’incidente sotto la supervisione di funzionari internazionali. Il Ministro della Difesa Benny Gantz e il Ministro della Pubblica Sicurezza Omer Bar-Lev devono inoltre chiarire ai comandanti dell’esercito e della polizia che la protezione della vita dei giornalisti israeliani, palestinesi e stranieri, così come della loro dignità e libertà operativa, fa parte delle loro mansioni. Il ferimento o l’uccisione di un giornalista è assolutamente inaccettabile. E un’altra cosa: la polizia israeliana farebbe bene a lasciare in pace la famiglia in lutto e a non perseguitarla senza motivo”.

Così l’editoriale. Il consiglio che lo conclude è il minimo della decenza.

Dynamic 4

Il j’accuse di Levy

 Scrive Levy: “Il relativo orrore espresso per l’uccisione di Shireen Abu Akleh è giustificato e necessario. Ma è anche tardivo e moralista. Ora siete inorriditi? Il sangue di una famosa giornalista, per quanto coraggiosa ed esperta fosse – e lo era – non è più rosso di quello di un’anonima studentessa liceale che un mese fa stava tornando a casa in un taxi pieno di donne in questa stessa Jenin quando è stata uccisa dagli spari dei soldati israeliani.

Dynamic 5

È così che è stata uccisa Hanan Khadour. Anche in questo caso, il portavoce militare ha cercato di mettere in dubbio l’identità dei tiratori: “La questione è in corso di esame”. È passato un mese e questo “esame” non ha portato a nulla, né mai porterà a nulla – ma i dubbi sono stati piantati e sono germogliati nei campi israeliani della negazione e della soppressione, dove nessuno si preoccupa realmente della sorte di una ragazza palestinese di 19 anni, e la coscienza morta del Paese viene nuovamente messa a tacere. C’è un solo crimine commesso dall’esercito di cui la destra e l’establishment si assumeranno mai la responsabilità? Uno solo?

Abu Akleh sembra essere un’altra storia: un giornalista di fama internazionale. Proprio domenica scorsa un giornalista locale, Basel al-Adra, è stato attaccato dai soldati israeliani nelle colline meridionali di Hebron, e nessuno se ne è preoccupato. Un paio di giorni fa, due israeliani che hanno attaccato dei giornalisti durante la guerra di Gaza lo scorso maggio sono stati condannati a 22 mesi di carcere. Quale punizione sarà inflitta ai soldati che hanno ucciso, se davvero lo hanno fatto, Abu Akleh? E quale punizione è stata data a chi ha deciso ed eseguito l’ignobile bombardamento degli uffici dell’Associated Press a Gaza durante i combattimenti dello scorso anno? Qualcuno ha pagato per questo crimine? E che dire dei 13 giornalisti uccisi durante la guerra di Gaza nel 2014? E il personale medico che è stato ucciso durante le manifestazioni al confine di Gaza, tra cui Razan al-Najjar, 21 anni, che è stata uccisa dai soldati mentre indossava la sua uniforme bianca? Nessuno è stato punito. Queste cose saranno sempre coperte da una nuvola di cieca giustificazione e di immunità automatica per l’esercito e il culto dei suoi soldati.

Anche se si trova il proiettile israeliano fumante che ha ucciso Abu Akleh, e anche se si trovano filmati che mostrano il volto di chi ha sparato, egli sarà trattato dagli israeliani come un eroe al di sopra di ogni sospetto. Si è tentati di scrivere che se dei palestinesi innocenti devono essere uccisi da soldati israeliani, è meglio che siano ben conosciuti e in possesso di passaporto statunitense, come Abu Akleh. Almeno così il Dipartimento di Stato americano esprimerà un po’ di dispiacere – ma non troppo – per l’insensata uccisione di un suo cittadino da parte dei soldati di uno dei suoi alleati.

Al momento in cui scriviamo, non è ancora chiaro chi abbia ucciso Abu Akleh. Questo è il risultato della propaganda israeliana: seminare dubbi, che gli israeliani sono pronti ad afferrare come fatti e giustificazioni, anche se il mondo non ci crede e di solito ha ragione. Anche quando nel 2000 fu ucciso il giovane palestinese Mohammed al-Dura, la propaganda israeliana cercò di offuscare l’identità dei suoi assassini; non ha mai provato le sue affermazioni e nessuno se le è bevute. L’esperienza passata dimostra che i soldati che hanno ucciso la giovane donna in un taxi sono gli stessi che potrebbero uccidere un giornalista. Lo spirito è lo stesso: è permesso loro di sparare a piacimento. Quelli che non sono stati puniti per l’uccisione di Hanan hanno continuato con Shireen.

Ma il crimine inizia molto prima della sparatoria. Il crimine inizia con l’irruzione in ogni città, campo profughi, villaggio e camera da letto della Cisgiordania ogni notte, quando è necessario ma soprattutto quando non è necessario. I corrispondenti militari diranno sempre che ciò è stato fatto per “arrestare dei sospetti”, senza specificare quali sospetti e di cosa sono sospettati, e la resistenza a queste incursioni sarà sempre vista come “una violazione dell’ordine” – l’ordine in cui l’esercito può fare ciò che vuole e i palestinesi non possono fare nulla, certamente non mostrare alcuna resistenza.

Abu Akleh è morta da eroe, facendo il suo lavoro. È stata una giornalista più coraggiosa di tutti i giornalisti israeliani messi insieme. Si è recata a Jenin e in molti altri luoghi occupati, dove raramente o mai si sono recati, e ora devono chinare il capo in segno di rispetto e di lutto. Avrebbero anche dovuto smettere di diffondere la propaganda diffusa dai militari e dal governo sull’identità dei suoi assassini. Fino a prova contraria, oltre ogni ombra di dubbio, la conclusione predefinita deve essere: l’esercito israeliano ha ucciso Shireen Abu Akleh”, conclude Levy.

Così è. Levy dà conto di ciò che Globalist ha scritto a caldo, subito dopo la notizia dell’uccisione della reporter di Al Jazeera: i giornalisti in Palestina sono testimoni scomodi di soprusi, violenze, crimini che un Paese che si vuole democratico copre o commette. Israele sa di poter contare su una impunità internazionale che dura da decenni. Può calpestare il diritto internazionale, può fare carta straccia di oltre 70 risoluzioni Onu, può imporre punizioni collettive contro la popolazione civile palestinese che sono considerate un crimine anche dalla Convenzione di Ginevra sulla guerra. Sa di poter agire impunemente e approfittare del tempo. Sì, del tempo. Perché sa che l’indignazione è come lo yogurt: scade presto. Ma i crimini quelli no, non scadono. Restano scolpiti nei cuori e nella mente dei giovani palestinesi che in tante e tanti piangono Shireen. Quanto all’Europa, cos’altro dire che: vergogna. Vergogna per non aver alzato la voce contro i crimini perpetrati nei Territori occupati. Vergogna per non aver mai sanzionato chi quei crimini ha perpetrato, mandanti ed esecutori. Vergogna per aver lasciato solo l’unico popolo al mondo ancora sotto occupazione. Chi poteva e doveva agire e non l’ha fatto, non deve permettersi di versare lacrime, lacrime di coccodrillo, per la morte di Shireen Abu Akleh. Non hanno fatto nulla per fermare la mano del carnefice. Ne sono complici. 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage