Palestina: l'assassinio di Shireen Abu Akleh e Biden, il Pilato di Washington
Top

Palestina: l'assassinio di Shireen Abu Akleh e Biden, il Pilato di Washington

Nella “partita” israelo-palestinese, gli Stati Uniti, a prescindere da chi sia l’inquilino della Casa Bianca,  non vestono la maglia dell’arbitro, ma quella della squadra con la stella di David: Israele.

Palestina: l'assassinio di Shireen Abu Akleh e Biden, il Pilato di Washington
Preroll

globalist Modifica articolo

8 Luglio 2022 - 17.45


ATF

Variano le tonalità, gli accenti, ma la sostanza resta sempre la stessa. Nella “partita” israelo-palestinese, gli Stati Uniti, a prescindere da chi sia l’inquilino della Casa Bianca,  non vestono la maglia dell’arbitro, ma quella della squadra con la stella di David: Israele. Era palese con Trump, solo per restare gli ultimi presidenti, lo è, anche se con meno appariscenza e idolatria verso lo Stato ebraico, con Biden. La conferma viene dal caso Abu Akleh, la reporter di al-Jazeera uccisa a Jenin. 

Il Pilato di Washingtont

A darne conto sono due delle firme più autorevoli di Haaretz: Jack Khoury e Amos Harel.

Scrive Khoury: “L’annuncio del Dipartimento di Stato americano sull’impossibilità di determinare in modo definitivo quale pistola abbia sparato il proiettile che ha ucciso la giornalista palestinese Shireen Abu Akleh ha chiarito qualcosa che i palestinesi hanno sempre saputo: Ogni volta che gli Stati Uniti devono decidere tra una posizione israeliana e una palestinese, Israele gode sempre di un chiaro vantaggio. Persino la dichiarazione americana che il proiettile è stato probabilmente sparato da un soldato israeliano è vista come una presa di posizione a parole, con gli israeliani che non vengono ritenuti affatto responsabili. Questa posizione è vista come il metodo classico nei tentativi degli americani di gestire il conflitto: un’accettazione molto parziale della posizione palestinese, senza alcun impegno in iniziative che possano cambiare la politica o esercitare una reale pressione su Israele – o, nel caso di Abu Akleh, portare i responsabili davanti alla giustizia. Nelle ultime settimane Washington ha esercitato pressioni sull’Autorità Palestinese affinché consegnasse il proiettile, tra le richieste dei membri democratici del Congresso di indagare sull’incidente. L’idea era quella di raggiungere un punto di arrivo, o almeno un punto intermedio, che potesse togliere la questione dalle prime pagine dei giornali prima della visita del Presidente Joe Biden a Betlemme tra una settimana e mezzo. Ma l’annuncio ha prodotto il contrario: Anche se la reporter veterana Shireen Abu Akleh non coprirà la visita di Biden nella regione, la sua presenza si farà sentire ben oltre quella di qualsiasi altro reporter. Oltre all’amministrazione statunitense, lunedì anche l’Autorità Palestinese  ha ricevuto un sonoro schiaffo in faccia. Il presidente palestinese Mahmoud Abbas e il resto della leadership dell’AP considerano la posizione americana come un’offuscamento dei fatti e un’elusione della responsabilità di Israele. Ma la consegna del proiettile è vista dai palestinesi di tutti i giorni come l’ennesima resa ai dettami americani e israeliani, tra l’ingenuità di credere che Washington avrebbe fatto giustizia per Shireen e la sua famiglia.

L’imbarazzo per la leadership palestinese è iniziato ancor prima che l’amministrazione rilasciasse la sua dichiarazione. Sabato, l’annuncio dell’unità portavoce delle Forze di Difesa Israeliane che l’IDF stava esaminando il proiettile, non ha di certo ingraziato i leader dell’AP al popolo. Questi leader, dopo tutto, avevano ripetutamente dichiarato che non ci sarebbe stata alcuna cooperazione con Israele su questa questione.

Leggi anche:  Gaza tradita, gli impegni mancati del G7

Se i risultati delle indagini avessero corrisposto alle richieste dei palestinesi, le cose sarebbero state completamente diverse, ma l’annuncio dell’Idf seguito da quello americano ha solo contribuito a erodere la fiducia nell’AP e nei suoi leader – non solo tra l’opinione pubblica palestinese, ma anche tra i parenti di Abu Akleh. Questi ultimi non vogliono che il proiettile venga consegnato, insistendo sul fatto che solo la Corte penale internazionale dell’Aia potrebbe indagare”, conclude Khoury.

Le ricadute interne.

La “penna” passa ad Amos Harel.

Che annota: “L’analisi forense del proiettile che ha ucciso la giornalista palestinese Shireen Abu Akleh in Cisgiordania a maggio non ha chiuso la vicenda. Al termine dell’esame, condotto da esperti israeliani sotto la supervisione degli Stati Uniti, non sono state raggiunte conclusioni chiare sulla questione di chi abbia sparato il proiettile fatale. Le dichiarazioni rilasciate da ciascun Paese sottolineano aspetti diversi. L’unità del portavoce dell’IDF ha dichiarato che non è stato possibile determinare con certezza quale arma abbia sparato il proiettile, a causa dello stato del proiettile e della natura dei segni su di esso. Mentre le Forze di Difesa Israeliane hanno espresso rammarico per la morte di Abu Akleh, il ministro della Difesa Benny Gantz ha attribuito la maggior parte della colpa dell’incidente ai “terroristi che hanno sparato dall’interno di una popolazione civile”.

Il Dipartimento di Stato americano, al contrario, ha confermato che i risultati sono inconcludenti, ma ha anche aggiunto due commenti. In primo luogo, il coordinatore della sicurezza statunitense ha concluso che gli spari dalle postazioni dell’Idf sono stati “probabilmente responsabili” della morte di Abu Akleh. In secondo luogo, gli americani “non hanno trovato alcuna ragione per credere che sia stato intenzionale, ma piuttosto il risultato di tragiche circostanze durante un’operazione militare condotta dall’Idf contro fazioni della Jihad islamica palestinese… che ha fatto seguito a una serie di attacchi terroristici in Israele”.Supponendo che i palestinesi si aspettassero una chiara prova della responsabilità israeliana, non l’hanno ricevuta dall’analisi balistica – e ora troveranno difficile negare in modo convincente le conclusioni, a causa del profondo coinvolgimento degli Stati Uniti nel processo. La vicenda rimarrà irrisolta e Abu Akleh, un reporter di Al Jazeera che aveva anche la cittadinanza statunitense, si aggiungerà alla lunga lista di vittime civili palestinesi, presentate nei Territori come simboli della lotta. Da parte israeliana, è molto improbabile che venga aperta un’indagine penale da parte della Polizia militare. Questa è stata la posizione della procura militare fin dall’inizio dell’inchiesta operativa, con la spiegazione che non esistono sospetti di atti criminali. È difficile aspettarsi un cambiamento di questa posizione ora, anche alla luce dei sentimenti dell’opinione pubblica sulla questione. Il Primo ministro Yair Lapid e il Capo di Stato Maggiore dell’Idf Aviv Kochavi vivono tra la loro gente. L’ultima cosa di cui hanno bisogno ora è un’indagine penale contro un soldato dell’unità antiterrorismo Duvdevan, sospettato di aver ucciso Abu Akleh.

Leggi anche:  Manifestazioni pro-Palestina in tutti gli Stati Uniti: bloccate strade e ponti

L’amministrazione Biden sperava di chiudere la vicenda prima della visita del Presidente nella regione la prossima settimana. Le forti pressioni statunitensi hanno costretto i palestinesi a consegnare il proiettile e ad accettare un esame da parte di esperti israeliani. Il fatto che si sia tenuto un esame congiunto consentirà agli Stati Uniti di dire che la vicenda è ormai alle spalle, anche se è prevedibile che i palestinesi la ripropongano.

Alla fine, Israele ha fatto ciò che era richiesto: un esame del proiettile, dopo l’inchiesta operativa. L’approccio moralista che Israele ha adottato dopo l’incidente è stato inutile. Anche dopo che sono stati raggiunti risultati inconcludenti, gli americani stanno dicendo ciò che era ragionevole fin dal primo giorno: C’è stato uno scambio di fuoco, ma c’è anche una ragionevole probabilità che gli spari provenissero dalle forze israeliane, non dai palestinesi. Anche in questo caso, un maggiore riconoscimento delle sofferenze e una più tempestiva espressione di rammarico non avrebbero danneggiato Israele – invece della rissa di pubbliche relazioni e dei tentativi di scaricare la colpa sull’altra parte.

Baciare l’anello

L’attacco selvaggio dei parlamentari del Likud contro il procuratore generale Gali Baharav-Miara potrebbe ancora ritorcersi contro di loro. Dopo che i funzionari del Ministero della Giustizia hanno dichiarato ai giornalisti che Baharav-Miara avrebbe considerato positivamente la richiesta di Gantz di permettergli di nominare un nuovo capo di stato maggiore dell’IDF durante la campagna elettorale, i deputati Yoav Kisch e Shlomo Karhi hanno minacciato di licenziarla se e quando il Likud tornerà al potere.

È possibile che i messaggeri di Benjamin Netanyahu – che, come è sua abitudine, si è premurato di negare qualsiasi legame con loro dal momento in cui le loro dichiarazioni hanno attirato critiche – si rivelino un errore strategico. La questione legale – il desiderio di evitare nomine di alto livello durante un periodo elettorale, in contrasto con la necessità di occupare una posizione critica con una nomina permanente – è piuttosto ambigua e lascia a Baharav-Miara un margine di discrezionalità. Ma la minaccia esplicita nei suoi confronti l’ha spinta in un angolo. Ora, se alla fine deciderà di non consentire il processo di nomina, potrebbe sembrare che si stia arrendendo a un’estorsione diretta personalmente contro di lei.

Se i parlamentari non avessero trasformato la disputa legale in una guerra personale contro di lei, forse Baharav-Miara avrebbe avuto più spazio per la flessibilità. La sua precedente dichiarazione sulla questione, a fine giugno, suona ancora piuttosto esitante – come una persona che lascia aperte le sue opzioni. La sua risposta finale a Gantz potrebbe ancora essere ritardata di qualche giorno. Sullo sfondo c’è la ragionevole possibilità che qualsiasi decisione venga presa venga contestata con una petizione all’Alta Corte di Giustizia. Per il Likud potrebbe essere una situazione vantaggiosa per tutti. Se vince, il Likud potrebbe bloccare un processo importante per l’attuale governo. Se perde, il Likud può sempre sostenere che la partita è stata aggiustata dallo stesso sistema legale che sta incastrando Netanyahu. Netanyahu potrebbe avere anche altre considerazioni. Gli attacchi personali dei media contro il vice capo di gabinetto Herzi Halevi, che sembra essere il candidato di Gantz alla carica di capo di gabinetto, non derivano dall’improvvisa paura di Netanyahu di avere un vero governo. Si tratta di un messaggio molto più ampio, quasi mafioso: Qualsiasi nomina ad alto livello deve ricevere l’approvazione personale di Netanyahu, anche quando è il leader dell’opposizione, perché questa è la prova del suo potere e della sua influenza. Per guadagnarsi la nomina, bisogna baciare il suo anello.

Leggi anche:  Rafah, nuova strage iraeliana: sotto le bombe muoiono 18 palestinesi, tra cui 14 bambini

Un’altra questione, forse ancora più importante: Questo è anche l’inizio della campagna contro la stessa Baharav-Miara. Se l’obiettivo supremo di Netanyahu è tornare al potere per fermare il suo processo, allora è necessario preparare il terreno per sostituirla attaccando il suo giudizio – a partire dal periodo della campagna elettorale.

Anche il prestigio di Gantz è in bilico in questo caso. La nomina del capo di stato maggiore è una delle aree principali in cui il ministro della Difesa può influenzare il futuro dell’Idf. Dopo aver dichiarato le sue intenzioni, Gantz non può ritirarsi, finché Baharav-Miara non gli ordina di fermarsi. In linea di principio, Gantz avrebbe potuto risolvere il problema chiedendo a Kochavi di rimanere per qualche altro mese. Ma Gantz si è guardato bene dal chiederglielo, forse perché sapeva che avrebbe detto di sì. Gantz vuole andare avanti con il suo piano originale, nonostante i dubbi.

Tutto questo ha portato agli attacchi dei bibiisti, come al solito. Ma questo testimonia anche lo spirito dei tempi: Quando così tanto è in bilico, Netanyahu e i suoi tirapiedi non fanno prigionieri. Non si preoccupano minimamente del fatto che lungo il percorso venga sacrificata la posizione del capo di stato maggiore”.

Così Verter.

Lo spirito dei tempi in quella che continua a vantarsi di essere l’”unica democrazia in Medio Oriente”, è uno spirito mortifero. E autoassolutoria.  Come per l’assassinio di Shireen Abu Akleh. E a nulla è valso, per avere verità e giustizia, che Shireen avesse anche il passaporto americano. Per il Pilato di Washington non è bastato per alzare la voce con l’alleato israeliano. 

Native

Articoli correlati