Top

Putiniani d' America all'attacco. Chi sono, quanto pesano i seguaci a stelle e strisce dello Zar

C'è un asse parallelo di autoritari nazionalisti Usa che sono simpatici a Putin e desiderosi di minare la solidarietà democratica che si è solidificata dopo l'invasione dell'Ucraina.

Putiniani d' America all'attacco. Chi sono, quanto pesano i seguaci a stelle e strisce dello Zar
Tucker Carlson

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

20 Aprile 2022 - 14.12


Preroll

Putin, Zelensky, la guerra in Ucraina. Così la vede Tucker Carlson, guru trumpista delle tv via cavo americane.

OutStream Desktop
Top right Mobile

A raccontarlo, su Haaretz, è Matt Johnson.  Ha scritto per Stanford Social Innovation Review, Quillette, The Bulwark, RealClearDefense, e molti altri.

Middle placement Mobile

“L’invasione russa dell’Ucraina ha distrutto intere città, strappato quasi cinque milioni di rifugiati dalle loro case, ucciso decine di migliaia di persone, riorientato fondamentalmente l’architettura di sicurezza dell’Europa, e rivelato che l’era della competizione tra grandi potenze non è solo ancora con noi – continua a rappresentare una minaccia esistenziale per milioni di persone.

Dynamic 1

Ma nonostante le implicazioni tettoniche della guerra, molti commentatori americani della destra populista sono stati impegnati a trovare modi per filtrare la loro analisi del conflitto attraverso le loro fissazioni politiche meschine, personali e provinciali.

“Putin mi ha mai chiamato razzista?” Ha chiesto Tucker Carlson alla vigilia del più devastante conflitto in Europa dalla seconda guerra mondiale. “Ha minacciato di farmi licenziare per non essere d’accordo con lui?”

Dynamic 2

Questo non è solo un sintomo della polarizzazione insensata che continua a deformare la nostra politica – è un promemoria inquietante che l’impegno per i principi democratici liberali di base è sempre più tenue (o inesistente) tra le potenti fazioni politiche negli Stati Uniti. Carlson è il più popolare conduttore di notizie via cavo in America, e ha trascorso anni usando la sua enorme piattaforma per adulare governi autocratici come la Russia mentre esprimeva un amaro disprezzo per democrazie come l’Ucraina. “Perché mi interessa cosa sta succedendo nel conflitto tra Ucraina e Russia?” Carlson ha chiesto di sapere durante un segmento nel 2019. “Sono serio. E perché non dovrei tifare per la Russia? Cosa che sono.”

Il 21 marzo, Carlson ha descritto il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, che è stato eletto con il 73% dei voti nel 2019, come un “dittatore”. Il 23 febbraio, in risposta all’osservazione del presidente della Camera Nancy Pelosi che l’aggressione russa verso l’Ucraina è “il nostro Sudetenland”, ha informato gli spettatori che “tecnicamente, è stata la Russia a combattere i nazisti e, più di ogni altro paese, a batterli”. Tanto per dire. Mentre è stata l’Ucraina a collaborare con i nazisti”. C’è un motivo per cui gli sproloqui notturni di Carlson sono diventati un appuntamento fisso per i canali di propaganda russi.

Dynamic 3

Carlson offre occasionalmente una critica superficiale dell’invasione, ma la sua narrazione non potrebbe essere più chiara: le nozioni di alta mentalità degli Stati Uniti sulla difesa della democrazia in Ucraina sono poco più che propaganda guerrafondaia. E personalmente, è felice di esprimere la sua perfetta indifferenza. Carlson dice di non essere “anti-Ucraina o pro-Russia”.

Piuttosto, è “agnostico su entrambi – non vive in nessuno dei due paesi, non ha intenzione di farlo, non gli interessa. Quindi non è una questione di preferire uno piuttosto che l’altro”. Mentre l’artiglieria russa livella le città ucraine e le prove di atrocità in luoghi come Bucha si accumulano, c’è un punto in cui Carlson potrebbe considerare di inclinare la sua “preferenza” verso la lotta dell’Ucraina per la sopravvivenza rispetto all’invasione imperiale di Putin? Cosa dirà se orrori ancora più grandi saranno scoperti a Mariupol o visitati sull’Ucraina in futuro?

Dynamic 4

Nel suo ultimo monologo prima dell’inizio dell’invasione completa (Putin aveva già dichiarato Donetsk e Luhansk “indipendenti” e schierato forze nell’Ucraina orientale), Carlson ha insistito che gli americani condividono la sua apatia sul destino dell’Ucraina:

“Se si ascolta Mitch McConnell, il leader dei repubblicani al Senato, si potrebbe pensare che ciò che il saldatore medio, diciamo, nel suo stato natale del Kentucky vuole davvero, più di un aumento di stipendio o una vacanza accessibile o scuole decenti per i suoi figli … è la fine dell’aggressione russa contro il coraggioso popolo dell’Ucraina orientale. Ed è per questo che se andate in qualsiasi negozio di dollari nello stato… troverete quella che una volta chiamavano gente normale che borbotta amaramente su quel maledetto Vladimir Putin”.Carlson ha aggiunto che la gente “normale” del Kentucky è indifferente alle sciocchezze sulla difesa della democrazia in Ucraina: “Naturalmente è possibile – non abbiamo fatto un sondaggio o altro – che alcuni in Kentucky, e in effetti circa 49 altri Stati, si stiano chiedendo stasera dei prezzi del gas”.

Dynamic 5

Forse Carlson dovrebbe andare avanti e fare quel sondaggio – se lo facesse, scoprirebbe che la sua condiscendente lezione sull’insularità e l’ignoranza degli americani “medi” non è invecchiata bene.

Secondo un recente sondaggio condotto da Cbs News e YouGov, il 72 per cento degli americani dice che gli Stati Uniti dovrebbero inviare armi in Ucraina, tre quarti per cento vuole mantenere o aumentare le sanzioni economiche sulla Russia, e il 63 per cento crede che le truppe statunitensi dovrebbero essere schierate per proteggere gli alleati della Nato. Maggioranze significative sosterrebbero anche un’azione militare americana diretta in Ucraina se la Russia attaccasse un paese della Nato (69%), usasse armi nucleari (68%), o usasse armi chimiche (61%).

Carlson potrebbe voler notare che gli intervistati che si descrivono come conservatori sono ampiamente a favore del sostegno all’Ucraina: Il 72% dice che gli Stati Uniti dovrebbero inviare armi e rifornimenti, mentre il 77% crede nelle sanzioni. Tra i conservatori che credono che l’Ucraina sia importante per gli interessi americani, più dell’80% dice che è necessario fermare l’aggressione russa, proteggere la vita del popolo ucraino e difendere gli alleati Nato dell’America.

Come il resto del paese, la maggioranza sostanziale dei conservatori pensa che gli Stati Uniti dovrebbero intraprendere un’azione militare diretta se la Russia attacca un paese della Nato (70%), usa armi nucleari (69%), o usa armi chimiche (61%).Ma non importa a Carlson, autoproclamatosi portavoce di milioni di americani silenziosi, che deride l’idea che l’assistenza degli Stati Uniti all’Ucraina difenda la democrazia, sostenendo che “sovverte” il significato della parola – dopo tutto, lui crede che il paese non sia affatto una democrazia. Quando non sta descrivendo l’Ucraina come una dittatura, la sta liquidando come uno “stato cliente del Dipartimento di Stato”.

Con l’imminente invasione della Russia, Carlson ha lamentato il fatto che “nessun leader repubblicano si è alzato per sottolineare quanto sia folle tutto questo e quanto sia completamente avulso da qualsiasi cosa che interessi gli elettori americani”. Ma si scopre che gli elettori americani, in effetti, si preoccupano di aiutare una democrazia assediata a difendersi dal più orribile episodio di violenza imperiale di questo secolo.

Infatti, nonostante il sogghignante oscurantismo e l’apologetica dei “populisti” come Carlson, la maggior parte degli americani ha la chiarezza morale e il buon senso di riconoscere ciò che sta accadendo in Ucraina: un assalto sostenuto alla democrazia perseguito da un’autocrazia risentita e retrograda. L’invasione russa dell’Ucraina è un momento di cerniera per il mondo liberaldemocratico, e ha innescato un’unità una volta in una generazione intorno ai principi di democrazia e autodeterminazione, e la punizione delle infrazioni della Russia. Ma c’è anche un asse parallelo di autoritari nazionalisti che sono simpatici a Putin e desiderosi di minare la solidarietà democratica che si è solidificata dopo l’invasione dell’Ucraina.

Carlson è un demagogo isolazionista che non crede che gli Stati Uniti abbiano alcun interesse a sostenere l’Ucraina. In effetti, non crede nemmeno che Washington debba sostenere i suoi alleati della Nato: “Perché mio figlio dovrebbe andare in Montenegro per difenderlo dagli attacchi?”, ha chiesto al presidente Trump nel luglio 2018, al quale Trump ha risposto: “Capisco quello che stai dicendo. Ho fatto la stessa domanda”. Trump non ha mai capito il senso della Nato, e ha persino detto agli aiutanti che voleva far uscire gli Stati Uniti.

Trump rimane il frontrunner per la nomination del Gop del 2024: Sarà sempre un nazionalista “America First” e un opportunista ossessionato da se stesso che è più preoccupato delle sue prospettive politiche che del mantenimento delle alleanze democratiche di fronte all’aggressione autoritaria. E non dimentichiamo che il suo primo impeachment fu per aver negato l’assistenza militare, autorizzata dal Congresso, all’Ucraina.

A parte le indiscrezioni di Trump, la vera minaccia che egli rappresenta (insieme a Carlson e ad altri sostenitori dei media) è ideologica. Trump voleva uscire dalla Nato perché ha un disprezzo senza fondo per l’ordine internazionale postbellico che i paesi liberaldemocratici hanno costruito e mantenuto dalla seconda guerra mondiale.

Ecco perché all’inizio di quest’anno ha appoggiato Viktor Orban, un collega nazionalista autoritario che descrive con orgoglio la sua visione dell’Ungheria come una democrazia “illiberale”. Anche Carlson è ossessionato dall’Ungheria, da dove ha preso a trasmettere e sulla quale ha prodotto un documentario agiografico che la presenta come il difensore della civiltà occidentale contro i “globalisti” predoni come George Soros.

Come nel 2014, quando la Russia ha invaso e annesso la Crimea, l’Ungheria ha firmato solo a malincuore le sanzioni contro Mosca sotto la pressione schiacciante dell’UE, si rifiuta di armare l’Ucraina o di bloccare le esportazioni di petrolio e gas russo.

Quando Orban ha vinto un quarto mandato, ha criticato l’UE e Zelenskyy nel suo discorso di accettazione, mentre Putin si è congratulato con lui, dicendo che non vede l’ora di “un ulteriore sviluppo dei legami bilaterali di partenariato”. Se Trump viene eletto nel 2024, Orban non dovrà preoccuparsi di ciò che pensa Bruxelles – sarà libero di riprendere i suoi attacchi alla Nato e riaffermare il suo posto nella posse populista transatlantica pro-Putin.

In un momento in cui gli americani, compresi i conservatori, possono vedere così chiaramente la lotta globale tra autocrazia e democrazia, è sia perverso e pericoloso che le figure dei media e i politici più influenti del paese siano demagoghi che sono sempre stati dalla parte sbagliata di quella lotta”.

Fin qui Matt Johnson.

Ancora su Carlson, di grande interesse è quanto scrive su Valigiablu.it Jacopo Di Miceli: “Dopo l’indagine Russiagate sulle possibili collusioni tra lo staff dell’ex presidente Trump e il Cremlino nelle elezioni del 2016, l’intelligence ha di recente pubblicato un report   in cui si afferma che non sono da escludersi future operazioni di influenza russa negli Stati Uniti attraverso personalità politiche e mediatiche americane.

Quasi a concretizzare questi timori, il 3 marzo il sito Mother Jones è venuto in possesso di un memo degli apparati di sicurezza russi in cui si esortano i giornalisti a dare risalto alla trasmissione di Tucker Carlson su Fox News. Il popolare conduttore ha una lunga storia di esternazioni favorevoli verso Putin, tanto da meritarsi l’epiteto di “cheerleader della Russia”.  “Perché non dovrei tifare per la Russia? Cosa che per inciso faccio”, aveva detto nel 2019, in relazione al conflitto nel Donbass, prima di ritrattare e ridimensionare tutto a uno scherzo.

Nei giorni precedenti l’invasione, Carlson domandava retoricamente agli spettatori perché fosse stato loro insegnato a odiare Putin – “Lui mi ha mai chiamato razzista?” – e ammetteva che non costituisse tradimento sostenerlo. “L’Ucraina, per essere tecnici, non è una democrazia. In termini americani, la chiamereste tirannia. È un mero Stato-cliente del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti”, sentenziava. Dopo l’attacco, si è focalizzato sull’incapacità dell’amministrazione Biden di impedire lo scenario bellico e, anzi, sulla sua presunta volontà di incoraggiarlo per avocare a sé nuovi poteri emergenziali dopo la pandemia. Fra gli esperti, Carlson ha invitato il colonnello in pensione Douglas Macgregor, ex consigliere alla difesa con Trump, e lo ha presentato come “un uomo a cui credere” nel mare delle notizie manipolate, nonostante l’ex militare avesse suggerito   di concedere alla Russia l’annessione di tutta l’Ucraina che desidera.

La contronarrazione del conduttore si è spinta fino a esiti surreali, prefigurando l’arrivo al potere degli estremisti islamici e un attacco atomico all’America se Putin dovesse cadere. L’influenza di Carlson travalica lo spazio televisivo, ha il potere di modellare la stessa ideologia conservatrice americana.  Un sondaggio di YouGov ha mostrato che gli elettori repubblicani ormai preferiscono Putin a Biden. E pezzi importanti del Partito Repubblicano si allineano, individuando   nella debolezza di Biden la colpa dell’aggressività russa. Due deputati, Greene e Gosar, hanno persino partecipato a una conferenza di suprematisti bianchi in cui i giovani estremisti applaudivano  la Russia e lanciavano cori per Putin.

La vecchia guardia repubblicana, come il senatore Mitch McConnell e Liz Cheney, ha stigmatizzato l’evento, ma i leader di partito non sono finora riusciti a criticare nemmeno gli elogi di Trump all’intelligenza di Putin. In questo senso, è significativo che la prossima convention repubblicana si terra a Budapest, nell’Ungheria di Orban, tra i capi di governo più timidi nel condannare   la guerra all’Ucraina, tanto da dire di aver vinto le elezioni anche contro il presidente Zelensky”.

Così  Di Miceli.

Carlson non è il solo.

A darne conto, su Repubblica, è Anna Lombardi. Oltre a Carlson, il fronte putiniano può contare, scrive Lombardi, su “Lara Logan, anche lei di Fox, e il conduttore di podcast Joe Oltmann, noti per la loro vicinanza ai complottisti di QAnon, da settimane ripetono un altro cavallo di battaglia di Putin: la necessità di “denazificare” quell’Ucraina che pure ha un presidente ebreo, democraticamente eletto. Altro megafono dei russi è Infowars, il sito cospirazionista fondato da Alex Jones che arrivò perfino a sostenere che la strage di bambini nella scuola elementare di Sandy Hook del 2012 non è mai avvenuta.

Il primo a pubblicare integralmente, il giorno dell’invasione, il discorso di Putin dove si negava l’esistenza dell’Ucraina.

Propaganda capace di raggiungere milioni di utenti, che viaggia su doppio binario: gli americani pubblicizzano la versione di una Russia che non ha più i suoi canali di propaganda ufficiali, costretti a chiudere in buona parte del mondo. E questi rilanciano i dibattiti dei complottisti sui forum dell’Alt Right americana, usandoli a sostegno delle loro tesi. Fomentandosi di fatto a vicenda.

E pazienza se inizialmente la guerra ha colto di sorpresa i conservatori spingendoli a criticare l’intervento russo. La teoria delle armi biologiche sta già ricompattando le fila: e, dimenticate le bombe sui civili, ci si concentra sulle critiche all’amministrazione Biden…”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile