Top

Ucraina, l'arma dello stupro. Un genocidio di genere

I primi stupri in Ucraina sono stati segnalati durante la seconda settimana di guerra dal difensore ucraino dei diritti umani Oleksandra Matviichuk, il capo del Centro per le libertà civili dell'Ucraina.

Ucraina, l'arma dello stupro. Un genocidio di genere
Guerra in Ucraina

Umberto De Giovannangeli

19 Aprile 2022 - 15.23


Preroll

L’arma dello stupro. Anche questo è “genocidio”. Di genere.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Scrive in proposito, su Haaretz, Tanya Domi, assistente professore aggiunto di Affari internazionali e pubblici alla Columbia University. La professoressa Domi è  anche Senior Fellow presso l’Alliance for Peace building di Washington.

Middle placement Mobile

“Gli ultimi rapporti della giornalista di Kiev Anastasiia Lapatina sul massacro di Bucha hanno rivelato uno scenario raccapricciante che ricorda gli stupri mirati di donne e ragazze durante la guerra in Bosnia ed Erzegovina: “Almeno 25 donne e ragazze, anche di 14 anni, sono state violentate dai russi in uno scantinato di Bucha”.

Dynamic 1

Affrontare efficacemente questi sfacciati crimini di guerra, e specialmente il crimine dello stupro, notoriamente sotto denunciato e sotto perseguito, è un test importante per i tribunali internazionali e la volontà politica della comunità internazionale.

Secondo Lapina l’intenzione telegrafica dei soldati russi “era di violentare le donne fino al punto in cui non avrebbero voluto avere contatti sessuali con nessun uomo”. Questo costituisce molteplici crimini di guerra, compresi i crimini contro l’umanità, la tortura, la detenzione illegale e potrebbe essere una componente del genocidio – secondo le conclusioni del 1998 del tribunale per i crimini di guerra del Ruanda.

Dynamic 2

I primi stupri in Ucraina sono stati segnalati durante la seconda settimana di guerra dal difensore ucraino dei diritti umani Oleksandra Matviichuk, il capo del Centro per le libertà civili dell’Ucraina.

Contemporaneamente, il procuratore della Corte penale internazionale (Cpi) ha fatto un annuncio senza precedenti che stava aprendo un’indagine sui crimini di guerra, compresi gli stupri che hanno avuto luogo in Ucraina durante l’annessione della Crimea da parte della Russia, risalente al 2013.

Dynamic 3

In effetti, la necessità e la legittimità del caso del procuratore potrebbe essere stata rafforzata agli occhi del mondo quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha recentemente dichiarato che un genocidio stava avendo luogo in Ucraina.  Da allora, sono emerse ulteriori prove dell’uso dello stupro come arma di guerra deliberata da parte delle forze russe, e di conversazioni tra le truppe russe e i loro partner in Russia che danno loro il “permesso” di stuprare le donne ucraine.

Lo stupro è la forma più comune di tortura nei conflitti armati, ma è raramente perseguito dai tribunali internazionali, nonostante sia sui libri di testo dall’adozione della Convenzione dell’Aia del 1907. L’accesso alla giustizia rimane sfuggente e raro.

Dynamic 4

Durante gli ultimi 30 anni di conflitti etno-nazionalisti, le atrocità contro i civili sono state troppo spesso caratterizzate da politiche e tattiche che hanno preso di mira specificamente i corpi di donne e ragazze, come in Kosovo e in Iraq, dove i combattenti dell’ISIS hanno schiavizzato e trafficato le donne yazidi.

La guerra in Ucraina non sembra essere un’eccezione a questa orribile tendenza. Anche se l’esercito russo è un esercito permanente (i rapporti indicano che i mercenari siriani sono stati assunti dal governo russo) ha dimostrato di essere un esercito mal addestrato, privo di disciplina, guidato da ufficiali incompetenti, che ora cede a un macabro spettacolo di uccisioni di massa e stupri di civili.

Dynamic 5

La giustizia per il crimine di stupro in tempi di conflitto è rimasta fuori portata per la maggior parte delle sue vittime. Come possiamo assicurare alle donne ucraine che questo stesso destino non toccherà loro? Come possiamo cercare di assicurare che la Corte penale internazionale si muova rapidamente per sostenere con forza le leggi internazionali relative agli stupri in tempo di guerra?

Nell’immediato, la Cpi deve muoversi rapidamente per raccogliere prove forensi e intervistare le vittime disposte a condividere la loro testimonianza. Le prove necessarie per perseguire i crimini sessuali durante il conflitto non migliorano con il tempo. I rapporti indicano che il procuratore generale dell’Ucraina, Iryna Venediktova, sta già collaborando con la Cpi.

I membri ucraini del parlamento hanno chiesto consiglio agli esperti della Bosnia-Erzegovina sui protocolli necessari per raccogliere prove forensi e preparare i testimoni per portare i casi di stupro in tribunale. 

Nonostante queste sfide, la Cpi è notevolmente aiutata dai progressi significativi generati dalla giurisprudenza internazionale del Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia. Questo tribunale ha processato 70 individui per crimini di violenza sessuale, tra cui aggressioni sessuali e stupri, condannando alla fine 32 imputati per crimini contro l’umanità, tortura, schiavitù e pulizia etnica. 

Ma più azioni politiche devono essere urgentemente perseguite:

In primo luogo, il Consiglio di Sicurezza dell’Onu dovrebbe affrontare questi crimini atroci in sessione, chiedendo direttamente alla Russia di fermare questi crimini ritirando i suoi soldati e ritenendoli pubblicamente responsabili. Il suo dibattito sulla violenza sessuale durante una sessione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite la scorsa settimana ha aumentato la visibilità su questi crimini.

In secondo luogo, l’Assemblea Generale dell’Onu dovrebbe votare immediatamente per sospendere l’appartenenza della Russia alle Nazioni Unite per aver commesso “gravi e sistematiche violazioni dei diritti umani”. Questo richiederebbe una maggioranza di tre quarti.

Il Consiglio dei Diritti Umani dell’Onu sta già sospendendo la Russia dal Consiglio e ha annunciato di aver aperto una commissione d’inchiesta sulla guerra in Ucraina. Michelle Bachelet, l’Alto Commissario Onu per i Diritti Umani, lei stessa vittima di tortura, dovrebbe usare il suo ufficio per affrontare pubblicamente questi crimini.

In terzo luogo, la rappresentante speciale del segretario generale dell’Onu per la violenza sessuale durante i conflitti dovrebbe schierare una squadra di investigatori negli stati terzi dove si trovano i rifugiati ucraini per intervistare le donne sopravvissute allo stupro e aiutare a fornire loro un continuum di cure. Pramila Patten, la rappresentante speciale, dovrebbe parlare regolarmente alla stampa di come il suo ufficio viene utilizzato durante questo periodo critico della guerra in Ucraina.

Infine, molte vittime di stupro avranno ora gravidanze indesiderate, e molte donne ucraine temono questa conseguenza. La Lituania è uno dei primi paesi a farsi avanti per donare contraccettivi alle donne ucraine. Le agenzie di sviluppo europee possono assistere efficacemente le molte donne rifugiate che hanno cercato sicurezza in Polonia, che vieta l’aborto, fornendo farmaci per l’aborto (compresa la pillola del giorno dopo) a quelle rifugiate che hanno subito uno stupro. Gli Stati Uniti sono interdetti per legge dal fornire assistenza per gli aborti all’estero.

Le ripetute negazioni di questi crimini da parte del governo russo non superano il test di credibilità.

È giunto il momento che la comunità internazionale faccia leva su tutte le istituzioni create per affrontare l’irredentismo della Russia e i suoi crimini di guerra, compreso lo stupro, con una rapida assunzione di responsabilità, sostenendo la regola del diritto internazionale per contrastare le gravi ingiustizie e sofferenze perpetrate dalle illusorie aspirazioni tiranniche di un uomo e del suo esercito amorale”.

Fin qui la professoressa Domi.

Testimonianze dall’inferno

In questi giorni giungono notizie di donne stuprate e poi impiccate dai soldati russi nel villaggio di Brovary, a venti chilometri da Kiev. Nelle cittadine di Bucha e Irpin le violenze sarebbero state perpetrate anche contro donne anziane, ancora più vulnerabili perché impossibilitate a fuggire. Secondo alcune testimonianze queste donne, violentate a turno da un gruppo di soldati russi, avrebbero poi deciso di togliersi la vita. Una donna avrebbe raccontato di essere stata violentata di fronte alla figlia dopo che i soldati russi le avevano ucciso il marito.

Di grande interesse è il report de Il Post: “Kateryna Busol ricercatrice del centro studi inglese Chatham House ed esperta di diritto internazionale, ritiene che i casi di stupro potrebbero essere «molto più diffusi» di quanto emerso finora. Tra le altre cose, Busol si è occupata di documentare le violenze sessuali compiute sia nel Donbass, a partire dal conflitto tra i separatisti filorussi e le forze ucraine, sia in Crimea, dopo la sua invasione e successiva annessione russa, nel 2014.

Era infatti già successo negli ultimi anni che dall’Ucraina arrivassero testimonianze di stupri compiuti da militari e miliziani di entrambe le parti, sia russi che ucraini.

Una delle prime accuse per stupro era stata fatta dal ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba, in un intervento fatto proprio al centro studi Chatham House una decina di giorni dopo l’inizio dell’invasione. In quell’occasione Kuleba aveva parlato di «numerosi casi» di stupri compiuti dai russi in varie città ucraine, senza dare ulteriori dettagli e senza che fosse possibile verificare le sue affermazioni in modo indipendente.

Nelle settimane successive aveva ricevuto molta attenzione il caso di una donna violentata a Brovary, località a nord est di Kiev. Secondo quanto ricostruito dalla procuratrice generale ucraina Iryna Venediktova, due soldati russi avrebbero fatto irruzione in casa della donna, ucciso il marito disarmato e l’avrebbero stuprata, mentre il figlio di quattro anni era in casa.

Del caso si era parlato per le indagini della procura, che era riuscita a identificare uno dei due soldati e aveva emesso nei suoi confronti un mandato d’arresto. La donna, che nel frattempo era riuscita a fuggire in Ucraina occidentale con suo figlio, aveva poi dato un’intervista al Times di Londra, e la sua storia era stata ripresa  anche da altri giornali.

Un’altra testimonianza, raccolta invece dall’organizzazione Human Rights Watch, era arrivata da Malaya Rohan, città a meno di mezz’ora di macchina da Kharkiv in cui l’esercito russo era entrato all’inizio dell’invasione. Il 13 marzo un soldato russo aveva fatto irruzione in una scuola in cui si stavano rifugiando una quarantina di persone, tra cui una donna di 31 anni insieme alla figlia di 5 e ad alcuni familiari.

La donna, citata col nome di fantasia Olha, ha raccontato che il soldato l’aveva portata al piano di sopra, e puntandole una pistola addosso le aveva ordinato di spogliarsi e di praticargli del sesso orale. Il soldato aveva continuato a puntarle la pistola alla testa anche mentre lei lo faceva, sparando al soffitto due volte per intimidirla (per «motivarla», avrebbe detto lui). Poi il soldato l’aveva penetrata, due volte di seguito, impedendole di rivestirsi. Le aveva anche tagliato i capelli e l’aveva ferita con un coltello: Human Rights Watch ha ottenuto alcune fotografie, datate 19 e 20 marzo, che mostrano le ferite e i segni delle violenze.

Altre accuse di stupro contro i soldati russi sono state fatte dal governo ucraino contestualmente ai fatti di Bucha, la cittadina a nord ovest di Kiev in cui sempre più prove confermano il massacro compiuto dai russi su centinaia di civili. Inoltre ci sono sospetti su possibili violenze sessuali compiute contro donne i cui corpi sono stati poi trovati nudi e semi carbonizzati una ventina di chilometri a nord di Kiev, fotografati da Mikhail Palinchak.

In alcuni casi, le accuse di stupro hanno riguardato le forze ucraine: a Vinnytsia, città dell’Ucraina occidentale, una donna ha per esempio denunciato alla polizia locale un soldato ucraino, poi arrestato, che l’aveva trascinata all’interno di una scuola e aveva tentato di violentarla. Delle accuse di stupro rivolte alle forze ucraine ha parlato anche una sottosegretaria generale delle Nazioni Unite, Rosemary Di Carlo, al Consiglio di Sicurezza, precisando che l’Onu sta indagando.

Il timore, che è praticamente una certezza, è che i casi di stupro possano essere molti di più di quelli emersi finora. Lo ha detto al Guardian anche Kateryna Cherepakha, presidente della sezione ucraina di La Strada, ong che si occupa di diritti umani, che ha raccontato di aver ricevuto molte chiamate, sulla linea di emergenza messa a disposizione dall’organizzazione, da donne e ragazze ucraine che cercavano aiuto dopo aver subìto violenze sessuali, senza poterle aiutare, in molti casi, a causa dei combattimenti in corso.

Le modalità con cui vengono compiute le violenze sessuali sembrano essere particolarmente brutali, «con un livello di violenza in molti casi inaspettato», ha detto Busol parlando dei soldati russi accusati di compiere gli stupri dopo aver ucciso i familiari delle donne, oppure di fronte a loro. Secondo Busol è una «strategia politica» ben precisa, volta a «degradare e umiliare non solo la donna e i suoi familiari, ma in qualche modo tutto il popolo ucraino».

Secondo Busol, le crescenti testimonianze di stupri e il contesto di guerra in cui arrivano hanno «l’unico beneficio» di portare più attenzione sul tema: a differenza di quanto accade in tempo di pace, stavolta le violenze sessuali «si intrecciano con quella subita da tutta la popolazione: questo porta a maggiore solidarietà e attenzione nei confronti delle donne, e a incoraggiarle a denunciare». La guerra, dice Busol, sembra essersi trasformata in un «orribile catalizzatore» rispetto a questo problema.

Nel diritto internazionale, gli stupri possono essere un crimine di guerra. Sull’eventuale compimento di questi crimini in Ucraina da parte della Russia la Corte penale internazionale, il principale tribunale internazionale per crimini di guerra e contro l’umanità, ha aperto un’indagine, ma c’è molto scetticismo sulla possibilità che porterà realmente a processi e condanne.

Un’altra possibilità sarebbe arrestare e processare i responsabili degli stupri in paesi esteri, sotto il principio della “giurisdizione universale” basato sull’idea che alcune norme internazionali siano talmente rilevanti da valere per tutti gli stati del mondo. È il principio per cui in Germania stanno venendo processate  persone per crimini compiuti durante la guerra in Siria: «vedendo che questi processi procedono, molti ucraini sperano che possa succedere lo stesso coi crimini compiuti nel loro territorio», dice Busol.

Alcuni paesi, tra cui Francia, Germania e Lituania, hanno già aperto indagini per crimini di guerra in Ucraina”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile