Top

Come si scrive "genocidio" in russo?

Può essere usata per fini altri, strumentalizzata, ingigantita. Ma quella parola resta appiccicata alla realtà. E reclama di essere gridata, dando voce ai tanti a cui la voce è stata soppressa o che rischiano di essere cancellati dalla faccia della terra.

Come si scrive "genocidio" in russo?
Bucha

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

14 Aprile 2022 - 14.20


Preroll

Può essere usata per fini altri, strumentalizzata, ingigantita. Ma quella parola resta appiccicata alla realtà. E reclama di essere gridata, dando voce ai tanti a cui la voce è stata soppressa o che rischiano di essere cancellati dalla faccia della terra. Quella parola è: genocidio.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Come si dice “soluzione finale” in russo…

Middle placement Mobile

Anton Shekhovtsov è direttore del Centro per l’integrità democratica (Austria), Senior Fellow alla Free Russia Foundation (USA), ed esperto della Piattaforma europea per le elezioni democratiche (Germania). Il suo libro più recente è “Russia and the Western Far Right: Tango Noir” (Routledge, 2018). Il suo scritto su Haaretz è un prezioso contributo alla conoscenza storica che è a fondamento della comprensione del presente.

Dynamic 1

Scrive il professor Shekhovtsov “Le prove fotografiche del massacro di Bucha – uno dei molti siti di crimini di guerra documentati contro i civili ucraini, e finora il più brutale – ha scioccato molti in Occidente.

Mentre gli invasori russi sono stati costretti a ritirarsi da Bucha dopo diverse settimane di occupazione di questa piccola città nella regione di Kiev, le immagini grafiche di fosse comuni, di corpi torturati e mutilati, di persone giustiziate con le mani legate dietro la schiena, di strade coperte di cadaveri di sfortunati passanti, hanno alimentato l’indignazione internazionale sull’invasione russa dell’Ucraina.

Dynamic 2

Molti occidentali sui social media hanno espresso la speranza che le rivelazioni sui crimini di guerra a Bucha e in altre città ucraine, compreso il bombardamento dei civili in attesa di essere evacuati da Kramatorsk, avrebbero in qualche modo scioccato le autorità russe, costringendole a rinsavire e a fermare la loro guerra di aggressione contro l’Ucraina.

Per gli osservatori russi di lunga data, questo ottimismo guidato dal razionalismo occidentale è apparso completamente infondato, e il Cremlino ha perso poco tempo prima di uccidere quelle speranze ottimistiche, se non ingenue. Il Cremlino ha chiamato il massacro di Bucha una “palese provocazione dei radicali ucraini”, una “messa in scena” e un “falso attacco volto a minare Mosca”.

Dynamic 3

Il thinktank russo Strategic Culture Foundation si è spinto fino a dire che gli autori erano in realtà ucraini che hanno ucciso i civili dopo che le truppe russe si erano ritirate da Bucha. Queste false affermazioni sono state smentite da testimoni oculari che sono riusciti a sopravvivere al massacro, e da immagini satellitari open-source che hanno mostrato i cadaveri che giacevano lì mentre la città era ancora occupata dai russi.

Il giorno dopo le rivelazioni fotografiche del massacro di Bucha, l’agenzia di stampa nazionale russa di proprietà statale RIA Novosti ha pubblicato un articolo che ha effettivamente ammesso e giustificato il fatto che i crimini di guerra russi a Bucha e altrove in Ucraina non erano affatto eccessi militari o danni collaterali, ma parte della strategia russa volta a sradicare la nazione ucraina.

Dynamic 4

L’articolo, intitolato “Cosa la Russia dovrebbe fare con l’Ucraina” e scritto dal consulente politico russo Timofey Sergeytsev, ammette apertamente che la “de-nazificazione”, che Putin ha nominato come uno degli obiettivi della guerra di aggressione russa contro l’Ucraina, non ha nulla a che fare con lo sradicamento di qualsiasi ideologia di estrema destra, ma è semplicemente un eufemismo per “de-ucrainizzazione” – la distruzione dell’Ucraina come stato-nazione per mezzo di atrocità perpetrate sui suoi cittadini.

Il termine “nazista” è quindi usato dalla propaganda russa per riferirsi a chiunque si identifichi come ucraino. La logica interna di una tale interpretazione del “nazismo” è radicata nel modo sovietico di intendere il fascismo: il termine “fascismo” era effettivamente un sinonimo di “antisovietismo”. Ora, il termine “nazista” è inteso come “anti-russo”. L’anno scorso, lo stesso articolo di Putin “Sull’unità storica di russi e ucraini” sosteneva che l’esistenza stessa dell’Ucraina era “anti-Russia”.

Dynamic 5

Sergeytsev prosegue: L’identità nazionale ucraina è “un costrutto artificiale anti-russo che non ha un proprio contenuto di civiltà”; è un “elemento subordinato di una civiltà straniera e aliena”. Pertanto, l’Ucraina in quanto tale è uguale a nazista.

I tentativi russi di “de-nazificare” l’Ucraina dovrebbero essere visti non solo come sforzi mirati alla “de-ucrainizzazione”, come Sergeytsev stesso riconosce, ma anche come un tentativo di genocidio della nazione ucraina, e quello che la RIA Novosti, di proprietà statale russa, suggerisce essere un vero e proprio piano di genocidio programmatico.

Secondo questo piano, le élite nazionali ucraine devono essere eliminate; l’Ucraina deve cessare di esistere ed essere spezzata in diverse aree occupate dalla Russia che cancellerebbe l’autocoscienza nazionale ucraina attraverso l’imprigionamento, la rieducazione e la censura; e dopo lo sradicamento dell’identità nazionale ucraina, le masse verrebbero assimilate nella “civiltà russa”.

Pochi hanno notato che l’articolo di Sergeytsev è, in una certa misura, una versione ampliata di un argomento fatto dall’editorialista russo Alexander Zhuchkovsky nel 2016.

Nel suo articolo, pubblicato sul più grande social network russo, Zhuchkovsky scrisse che gli ucraini erano una “nazione completamente estranea e ostile ai russi”, e che “l’Ucraina, il popolo ucraino e la lingua ucraina sono stati deliberatamente e volutamente creati dagli avversari geopolitici della Russia per frammentare il popolo russo, [e per] indebolire e smembrare la Russia”.

Per rafforzare la Russia, gli ucraini dovrebbero essere completamente eliminati, e nel perseguimento di questo obiettivo, Zhuchkovsky ha chiesto la disumanizzazione degli ucraini: “È naturale e giusto, dato che stiamo combattendo non contro persone ma contro nemici, […] non contro persone ma contro ucraini”.

Zhuchkovsky è un rappresentante del neofascista russo Partito Nazional-Democratico fondato dal defunto Konstantin Krylov nel 2014, e ha lavorato a stretto contatto con il neofascista Movimento Imperiale Russo (RIM) guidato da Stanislav Vorobyev.

Il RIM, il cui leader dichiara con orgoglio la propria dedizione alla lotta contro “gli oligarchi ebrei in Ucraina”, ha concesso assistenza finanziaria al ramo svedese del neonazista scandinavo Nordic Resistance Movement e ha fornito addestramento paramilitare agli estremisti di destra internazionali; due di loro hanno compiuto una serie di attacchi terroristici in Svezia al ritorno dal campo di addestramento del RIM. Nel 2020, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha designato il Movimento Imperiale Russo come un gruppo terroristico globale appositamente designato.

Non sono mai mancate le fantasie genocidarie russe sull’Ucraina ma, fino a poco tempo fa, erano confinate ai margini del discorso politico russo. La pubblicazione sui media statali russi dell’articolo di Sergeytsev, che sviluppa un argomento spinto dal neofascista Zhuchkovsky, segnala la deliberata integrazione e normalizzazione di quelle fantasie.

Insieme alla negazione dei crimini di guerra genocidi commessi dagli invasori russi, essi costituiscono lo stesso tipo di schizofrenia manipolativa che caratterizzava, in particolare, i negazionisti neonazisti dell’Olocausto del dopoguerra, che consideravano l’Olocausto una montatura e tuttavia insistevano sulla necessità del genocidio degli ebrei.

La normalizzazione di queste fantasie genocidarie sugli ucraini da parte dei media statali russi, specialmente sullo sfondo delle notizie raccapriccianti sui crimini di guerra russi a Bucarest e altrove, e la sua messa a punto della possibile utilità di usare armi chimiche, è una tattica consapevole volta a mantenere e consolidare il sostegno popolare al regime di Putin.

Come il massimo propagandista russo del Cremlino, Vladimir Soloviev, ha esortato in prima serata TV in relazione ai “satanici” “diavoli” ucraini: “Finite quella feccia nazista”.

Secondo i sondaggi di opinione pubblica condotti dal Centro Levada, un’organizzazione di sondaggi russa più o meno indipendente, ora considerata un “agente straniero” in Russia, l’indice di approvazione di Putin è salito dal 71% di febbraio all’83% alla fine di marzo 2022.

È vero che i risultati dei sondaggi d’opinione nei regimi autoritari dovrebbero essere presi con un pizzico di sale: molte persone hanno senza dubbio paura di dire la loro opinione. Tuttavia, dovremmo capire che questa paura è il fondamento del conformismo e poi della collaborazione.

Per le vittime dei crimini di guerra russi, poco importa se coloro che li hanno uccisi, violentati, torturati e mutilati sostenevano veramente Putin o semplicemente seguivano ordini illegali per pressione dei pari o per paura di essere perseguiti. Un genocidio richiede qualcosa di più dell’odio viscerale del “nemico” – ha anche bisogno di carnefici volenterosi e della conformità di massa dei codardi”.

Così il professor Shekhovtsov.

Questi carnefici volenterosi lo Zar li ha trovati. Quanto alla conformità di massa dei codardi, dipende da noi. Tutti noi.

Senza memoria non c’è futuro

“Ricordare è un investimento sul futuro e non solo un tributo alla memoria delle vittime di un tragico passato. Non possiamo, non dobbiamo dimenticare ciò che accadde nei lager nazisti. E che al fondo dell’Olocausto vi era il proposito di annientare gli ebrei, colpevoli di esistere: chi continua a negarlo infligge alle vittime dei campi di sterminio una seconda morte. Come non vedere che nel voluto oblio della memoria c’è chi cerca di costruire una nuova pratica dell’intolleranza?”.

A parlare è Elie Wiesel, premio Nobel per la Pace 1986,  – scomparso il 2 luglio 2016, che nei campi di sterminio di Auschwitz (vi perse la madre, il padre e la sorellina) e Buchenwald trascorse undici mesi. Ricordare non è solo un tributo ai milioni di donne e uomini annientati nei lager. “L’antisemitismo e l’odio razziale, riflette Wiesel, segnano anche questo inizio secolo. Non posso perdonare gli aguzzini e coloro che ne esaltano le gesta”.

“Stiamo lasciando alle nuove generazioni un mondo pieno di paura – riflette il grande scrittore della Memoria – cosa ne faremo, lo trasformeremo in una fortezza?”.  È un brano di un’intervista che Wiesel, concesse a chi scrive. Sono passati diversi anni d’allora, ma le sue riflessioni, alla luce della guerra in Ucraina, acquistano un valore profetico.

 “Di nuovo dovrebbe sorreggerci la memoria: ricordo che nei lager nazisti morirono migliaia e migliaia di rom. Morirono assieme a milioni di ebrei. Non intendo entrare in polemiche politiche, ciò che voglio dire è che l’Europa ha un debito verso la popolazione rom. Questa consapevolezza dovrebbe guidare la definizione di politiche di integrazione, il che naturalmente non significa giustificare comportamenti malavitosi che riguardano la persona, il singolo individuo e non l’etnia di appartenenza.

Mi lasci aggiungere che la multietnicità propria delle società moderne non va vissuta come un pericolo bensì come un valore, una opportunità comune di crescita, ma perché questa aspirazione si trasformi in realtà compiuta è necessario far vivere una cultura della solidarietà che è qualcosa di più ricco e impegnativo di una cultura della tolleranza. Sento parlare di classi separate per bambini immigrati, di sbarramenti…, ma una società multietnica pienamente democratica, deve abbattere i ghetti e non realizzarne di nuovi. L’inclusione non è nemica di un comprensibile bisogno di sicurezza”.

Per chi ha vissuto l’esperienza dei lager nazisti ha un senso la parola “perdono?

“È la domanda che ha accompagnato la mia esistenza di sopravvissuto. Ma parole come perdono o misericordia non trovano posto nell’inferno di Auschwitz, di Buchenwald, di Dachau, di Treblinka…. No, non è possibile perdonare gli aguzzini di un tempo e coloro che ancora oggi ne esaltano le gesta. In questi sessantatre anni, ho pregato più volte Dio e la preghiera è la stessa che recitavo quando ero rinchiuso nel lager: “Dio di misericordia, non avere misericordia per gli assassini di bambini ebrei, non avere misericordia per coloro che hanno creato Auschwitz, e Buchenwald, e Dachau, e Treblinka, e Bergen-Belsen…

Non perdonare coloro che qui hanno assassinato. Ma questo non vuol dire condannare per sempre il popolo tedesco, perché noi ebrei, le vittime, non crediamo nella colpa collettiva. Solo il colpevole è colpevole. I nostri aguzzini volevano cancellare la nostra identità, prima di negarci la vita, per ridurci solo a numeri, quelli marchiati a fuoco sulle nostre braccia. Ma non ci sono riusciti: hanno ucciso sei milioni di ebrei ma non sono riusciti a cancellare la nostra identità”.

Cosi Elie Wiesel. Come si scrive “soluzione finale” in russo?

P.S. Anche l’ex presidente Usa Donald Trump, come Joe Biden, ha parlato di “genocidio” in riferimento alle stragi di civili in Ucraina, pur se per attaccare il suo successore. In un’intervista a Fox News, Trump, dopo aver attaccato le politiche economiche di Biden a fronte dell’inflazione record, ha proseguito: “E ora aggiungete a ciò quello che sta accadendo in Ucraina. Quello è un genocidio”. “È in corso un genocidio”, ha reiterato Trump che ha poi sottolineato che “abbiamo la forza nucleare più forte ed efficace al mondo grazie a quello che ho fatto” e quindi “nessuno ci dovrebbe maltrattare”.  

“Credo che tra cent’anni le persone guarderanno indietro e si domanderanno perché siamo rimasti a guardare e perché la Nato è rimasta a guardare”, ha affermato l’ex presidente degli Stati Uniti.

Calza l’elmetto, il tycoon di Washington. Ma neanche questa volta riesce a dare un nome e un volto a chi del genocidio in atto è il mandante: Vladimir Putin.  Potenza di un’amicizia rafforzatasi con l’”intrusione” informatica russa nelle elezioni vinte a suo tempo da Trump contro Hillary Clinton.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile