Mosca, anche il cancelliere Scholz rifiuta il test anti-Covid dei russi: glielo farà un medico dell'ambasciata tedesca
Top

Mosca, anche il cancelliere Scholz rifiuta il test anti-Covid dei russi: glielo farà un medico dell'ambasciata tedesca

Le cautele del cancelliere dopo il rifiuto di Macron di sottoporsi a tampone per evitare che la Russia si impossessasse del Dna presidenziale

Mosca, anche il cancelliere Scholz rifiuta il test anti-Covid dei russi: glielo farà un medico dell'ambasciata tedesca
Olaf Scholz
Preroll

globalist Modifica articolo

15 Febbraio 2022 - 10.48


ATF

Nessuno si fida dei russi. Ma questa volta non stiamo parlando dei veti e delle dichiarazioni di guerra nei confronti dell’Ucraina, bensì dei dati biologici che nessun leader europeo in visita a Mosca vuole lasciare nelle loro mani.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha rifiutato di sottoporsi a un test russo per il coronavirus prima del suo incontro a Mosca con il presidente russo Vladimir Putin. Lo riporta il quotidiano tedesco Süddeutsche Zeitung.

La soluzione individuata dal governo di Berlino prevede che un medico dell’ambasciata tedesca a Mosca effettui un tampone su Scholz al suo arrivo in Russia. Il test molecolare sarà effettuato a bordo dell’aereo, una volta atterrato a Mosca; secondo Reuters, la cancelleria tedesca ha offerto alla Russia la possibilità di inviare qualcuno a osservare la procedura.

Anche il presidente francese Emmanuel Macron, la scorsa settimana, aveva rifiutato una richiesta del Cremlino di sottoporsi a un test russo sul coronavirus prima del suo incontro con Putin. La motivazione del rifiuto – secondo due fonti dell’entourage di Macron citate da Reuters – è stata il timore che la Russia si impossessasse del Dna del presidente francese.

Leggi anche:  In Russia, s'allunga la lista nera di Putin: ricercata l'attrice Tatyana Lazareva contraria alla guerra

Di conseguenza, Macron è stato tenuto a distanza dal leader russo durante il lungo colloquio sulla crisi ucraina. Macron non ha fatto il test aggiuntivo perché “non era compatibile con l’agenda ristretta del presidente francese”, ha affermato in seguito l’Eliseo.

Native

Articoli correlati