Migranti, Meloni scrive a Scholz e se la prende con le Ong: "Aumentano le tragedie in mare"
Top

Migranti, Meloni scrive a Scholz e se la prende con le Ong: "Aumentano le tragedie in mare"

Migranti, Meloni scrive a Scholz: "E' ampiamente noto che la presenza in mare delle imbarcazioni delle Ong ha un effetto diretto di moltiplicazione delle partenze di imbarcazioni precarie che incrementa il rischio di tragedie in mare".

Migranti, Meloni scrive a Scholz e se la prende con le Ong: "Aumentano le tragedie in mare"
Olaf Scholz e Giorgia Meloni
Preroll

globalist Modifica articolo

25 Settembre 2023 - 14.55


ATF

Giorgia Meloni scrive a Olaf Scholz, la Presidente del Consiglio italiana ha inviato una lettera al Cancelliere tedesco sulla questione migranti. «Caro Olaf come sai, in queste settimane il governo italiano è impegnato in prima linea nel fare fronte ad una pressione migratoria eccezionale. Tale impegno si esprime sia sul fronte interno per dare il massimo sostegno alle regioni italiane più coinvolte, a partire dall’isola di Lampedusa, sia su quello internazionale, dove abbiamo moltiplicato i contatti, da ultimo a New York, con i partner internazionali ed i paesi di origine e transito nonché con le istituzioni e gli Stati membri Ue. Particolarmente importanti sono stati la visita della presidente della Commissione Europea von der Leyen a Lampedusa lo scorso 17 settembre e i progressi concreti nell’attuazione del Memorandum d’intesa Ue-Tunisia che ne sono scaturiti».

«Ho appreso con stupore» che la Germania, in mondo non coordinato con il governo italiano, «avrebbe deciso di sostenere con fondi rilevanti organizzazioni non governative impegnate nell’accoglienza ai migranti irregolari sul territorio italiano e in salvataggi nel Mare Mediterraneo». 

Leggi anche:  Salvini in stile Vannacci: "Depositata una proposta di legge per reintrodurre la leva". La destra si spacca

«Entrambe le possibilità suscitano interrogativi. Innanzitutto, per quanto riguarda l’importante e oneroso capitolo dell’assistenza a terra è lecito domandarsi se essa non meriti di essere facilitata in particolare sul territorio tedesco piuttosto che in Italia», ha scritto Meloni.

Inoltre, ha aggiunto la premier, «è ampiamente noto che la presenza in mare delle imbarcazioni delle Ong ha un effetto diretto di moltiplicazione delle partenze di imbarcazioni precarie che risulta non solo in ulteriore aggravio per l’Italia, ma allo stesso tempo incrementa il rischio di nuove tragedie in mare». 

Native

Articoli correlati