Top

Il piccolo Eitan in Italia: "Sono contento di essere tornato a casa"

Il bambino è tornato nella casa di Travacò Siccomario (Pavia) dove abitano gli zii e da dove era stato rapito dal nonno materno

Il piccolo Eitan in Italia: "Sono contento di essere tornato a casa"
Il rientro del piccol Eitan in Italia

globalist

4 Dicembre 2021 - 10.24


Preroll

La lunga e dolorosa vicenda giudiziaria del piccolo Eitan si è chiusa definitivamente ieri con il suo rientro in Italia.

OutStream Desktop
Top right Mobile

L’unico sopravvissuto della tragedia del Mottarone era stato portato illegalmente in Israele dal nonno paterno, ora accusato di rapimento, e da lì è iniziato la querelle tra le due famiglie. Una faida che ha sicuramente destabilizzato ancora di più la vita del piccolo.

Middle placement Mobile

Ora il piccolo è tornato in Italia, dove vivrà “stabilmente” hanno detto i legali che hanno vinto la battaglia in tribunale contro il nonno materno, Shmuel Peleg, che aveva rapito Eitan e portato in Israele a settembre. Gli avvocati della zia Aya Biran hanno rinnovato l’appello “per permettere ad Eitan di riprendere la sua vita di bambino di 6 anni”.

Dynamic 1

Ora, hanno detto, “si spengano i riflettori sulla sua vita privata” e “si apra una nuova fase” che gli consenta “un percorso di crescita più sereno, ancora più necessario se si considera la terribile tragedia che l’ha coinvolto”.

Con un volo Tel Aviv-Bergamo, atterrato alle 22 in punto, Eitan è tornato in quella che, dopo l’incidente, è diventata la sua nuova casa italiana in provincia di Pavia. Con lui c’erano la zia paterna Aya Biran, nominata fin da subito dopo l’incidente sua tutrice, suo marito Or Nirko e le due cuginette con cui è praticamente cresciuto e che, all’indomani del suo sequestro, lo hanno pure loro raggiunto nello Stato del Medio Oriente.

Dynamic 2

Ad attenderlo nella villetta di Travacò Siccomario, di fianco a quella dove viveva con mamma e papà, c’erano i nonni paterni, come ha spiegato un portavoce della famiglia Biran aggiungendo: “Dopo 84 giorni da quando è stato allontanato illegalmente dalla sua casa, Eitan tornerà ora alla routine, a tutti gli ambienti medici, terapeutici ed educativi, ai suoi amici del quartiere e alla scuola, alla comunità in cui è cresciuto, e al suo adorato gatto Oliver”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile