Bolsonaro a New York e scatta la protesta: "Genocida, vattene"

Un gruppo di manifestanti ha protestato contro Jair Bolsonaro al suo arrivo alla residenza dell'ambasciatore brasiliano all'Onu a New York. Gesto osceno del ministro Queiroga

Bolsonaro a New York

Bolsonaro a New York

globalist 21 settembre 2021

Dove va il fascista, spacciatore di odio nonché omofobo e sessista la gente civile protesta. Ed è stato così anche nel suo viaggio negli Stati Uniti per sottolineare il pericolo di avere al potere un nemico della scienza e dell'ambiente.
Un gruppo di manifestanti ha protestato contro Jair Bolsonaro al suo arrivo alla residenza dell'ambasciatore brasiliano all'Onu a New York, dove il presidente brasiliano deve pronunciare  il discorso di apertura davanti all'assemblea generale.

Il capo dello Stato e la sua comitiva sono stati bersaglio di slogan come 'Bolsonaro vattene' e 'genocida' mentre entravano nella residenza del diplomatico Ronaldo Costa e Filho, secondo O

Globo.

 Il ministro della Salute, Marcelo Queiroga, ha fatto un gesto osceno all'indirizzo dei dimostranti, mentre Bolsonaro avrebbe agitato la mano per chiedere calma.

Lo stesso gruppo di manifestanti ieri si trovava accanto a un camion che per ore ha circolato per le strade di New York con immagini proiettate su schermi giganti del leader di estrema destra circondato dalle fiamme, insieme alle frasi 'Bolsonaro criminale dell'ambiente' e 'Jail Bolsonaro' (Bolsonaro in carcere), secondo il quotidiano Folha de Sao Paulo.

Tra gli organizzatori delle proteste figuravano le ong Greenpeace, Amazon Watch, il comitato newyorchese Difesa della democrazia in Brasile (Ddb-NY) e una coalizione di gruppi chiamata Rete americana per la democrazia in Brasile.