Top

In Thailandia proteste sui vaccini: ma perché la gente li vuole

Il governo ha deciso di somministrare il siero cinese Sinevac - criticato dalla comunità scientifica per la bassa risposta immunitaria - ma solo dietro pagamento.

Manifestazione pro-vax in Thailandia
Manifestazione pro-vax in Thailandia

globalist

9 Agosto 2021 - 19.09


Preroll

In Italia una situazione del genere sarebbe impensabile: a volte però occorrerebbe fermarsi e capire che siamo fortunati ad avere cure mediche che in altri paesi non possono avere.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Ma non solo, addirittura ci permettiamo di tifare contro un’arma che potrebbe aiutarci a debellare definitivamente il virus.

Middle placement Mobile

Una folla di giovani e studenti è scesa per le strade di Bangkok per chiedere accesso gratuito alla campagna vaccinale contro il Covid-19.

Dynamic 1

Il movimento Sì-vax thailandese si è scontrato con le forze dell’ordine: si contano decine di arresti e feriti. Il governo ha infatti deciso di somministrare il siero cinese Sinevac  – criticato dalla comunità scientifica per la bassa risposta immunitaria – solo dietro pagamento.

Gli scontri – Per contenere i Sì-vax, le forze dell’ordine hanno sparato proiettili di gomma ad altezza uomo e gas lacrimogeni per disperdere la folla. Nei giorni scorsi, alcuni mezzi sono stati dati alle fiamme dai manifestanti che chiedono le dimissioni del primo ministro Prayut Chan-o-Cha.

Dynamic 2

Linea dura del primo ministro – Nonostante i disordini, il premier ha fatto sapere di non voler ritornare sui suoi passi: le vaccinazioni continueranno ad essere accessibili a un cerchio ristretto di persone, mentre rifiuta l’ipotesi di continuare la campagna di vaccinazione utilizzando i sieri Pfizer o Moderna.

 

Dynamic 3
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage