Top

Il drammatico bilancio dei Mondiali in Qatar: morti oltre 6mila operai dal 2010

Il dato riguarda la manodopera proveniente da India, Pakistan, Nepal, Bangladesh e Sri Lanka: un dato sottostimato per la mancanza di numeri sugli altri paesi

Operai ai Mondiali in Qatar 2022

globalist

23 Febbraio 2021


Preroll

Un inaccettabile prezzo da pagare per i cittadini di ogni paese coinvolto.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Sono dati difficili da commentare per la sua crudità: da quando il Qatar si è aggiudicato i Mondiali di calcio 2022, nel Paese hanno perso la vita oltre 6.500 lavoratori migranti provenienti da India, Pakistan, Nepal, Bangladesh e Sri Lanka.

Middle placement Mobile

Numeri in realtà sottostimati, perché dal triste conteggio mancano i decessi degli operai provenienti da Filippine, Kenya e altri Paesi che sono grandi bacini di manodopera per il Paese del Golfo.

Dynamic 1

I risultati indicano che una media di 12 lavoratori migranti provenienti da queste cinque nazioni sono morti ogni settimana da quella notte del dicembre 2010 in cui le strade di Doha erano piene di folle in estasi per la vittoria del Qatar.

I dati provenienti da India, Bangladesh, Nepal e Sri Lanka hanno rivelato che ci sono state 5.927 morti di lavoratori migranti nel periodo 2011-2020.

Dynamic 2

Separatamente, i dati dell’ambasciata pakistana in Qatar hanno riportato ulteriori 824 morti di lavoratori pakistani, tra il 2010 e il 2020.

Negli ultimi 10 anni, il Qatar ha intrapreso un programma di costruzioni senza precedenti, in gran parte in preparazione del torneo di calcio del 2022.

Dynamic 3

Oltre a sette nuovi stadi, sono stati completati o sono in corso dozzine di grandi progetti, tra cui un nuovo aeroporto, strade, sistemi di trasporto pubblico, hotel e una nuova città, che ospiterà la finale dei Mondiali.

L’aspetto più inquietante è la nebbia che avvolge questi decessi, che non sono classificati in base all’occupazione o al luogo di lavoro, ma il cui legame con i progetti infrastrutturali è sin troppo evidente: “Una percentuale molto significativa dei lavoratori migranti morti dal 2011 erano nel Paese solo perché il Qatar ha vinto il diritto di ospitare la Coppa del Mondo”, afferma Nick McGeehan, direttore di FairSquare Projects, un gruppo di difesa specializzato in diritti del lavoro nel Golfo.

Dynamic 4

Ci sono stati 37 decessi tra i lavoratori direttamente collegati alla costruzione degli stadi dei Mondiali, di cui 34 sono stati classificati come “non legati al lavoro” dal comitato organizzatore dell’evento.

Gli esperti hanno messo in dubbio l’uso del termine perché in alcuni casi è stato usato per descrivere decessi avvenuti sul lavoro, tra cui un certo numero di lavoratori che sono caduti e morti nei cantieri degli stadi.

Dynamic 5

I risultati – scrive il Guardian – rivelano l’incapacità del Qatar di proteggere i suoi 2 milioni di lavoratori migranti, o addirittura di indagare sulle cause dell’alto tasso di mortalità tra lavoratori in gran parte giovani.

Dietro le statistiche si celano innumerevoli storie di famiglie devastate che sono state lasciate nel lutto, senza risposte e con enormi difficoltà economiche. I più determinati lottano per ottenere un risarcimento; la maggior parte affonda nella disperazione.

“C’è una reale mancanza di chiarezza e trasparenza intorno a queste morti”, commenta May Romanos, ricercatrice per Amnesty International nel Golfo.

”È necessario che il Qatar rafforzi i suoi standard di salute e sicurezza sul lavoro”.

Il comitato che ha organizzato la Coppa del Mondo in Qatar, alla domanda sulle morti nei progetti degli stadi, ha dichiarato: “Siamo profondamente dispiaciuti per tutte queste tragedie e abbiamo indagato su ogni incidente per assicurarci che le lezioni venissero apprese. Abbiamo sempre mantenuto la trasparenza su questo problema e contestato affermazioni imprecise sul numero di lavoratori deceduti nei nostri progetti ”.

In una dichiarazione, un portavoce della Fifa, l’organo di governo del calcio mondiale, ha affermato di essere pienamente impegnato a proteggere i diritti dei lavoratori sui progetti Fifa.

“Con le misure di salute e sicurezza molto rigorose in loco… la frequenza degli incidenti nei cantieri della Coppa del Mondo Fifa è stata bassa rispetto ad altri importanti progetti di costruzione in tutto il mondo”, hanno detto.

Ma ciò che manca sono le prove, mentre i lavoratori continuano a morire.

 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage