L'Argentina guarda al futuro: l'esercito dovrà arruolare transessuali per "rimediare le violazioni commesse"

Il decreto del governo del presidente Alberto Fernandez dispone lʼobbligo di assumere almeno una quota dellʼ1% entro il 30 novembre

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

globalist 24 novembre 2020
Queste sono le vere rivoluzioni. L'esercito argentino, entro il 30 novembre, dovrà arruolare nel proprio personale una quota dell'1% di travestiti, transessuali e transgender. Il 4 settembre, il governo del presidente peronista Alberto Fernandez ha infatti emesso un decreto che impone questa aliquota agli organi statali allo scopo di "iniziare a riparare le violazioni (dei diritti) storicamente commesse contro travestiti, transessuali e persone transgender".

Fonti del ministero della Difesa hanno spiegato che ai comandanti e ai leader dell'esercito è stato chiesto di riferire sulla "situazione esistente" in ordine al rispetto di questo standard. Non è stato specificato se questa stessa quota sia stata richiesta anche per l'Air Force e la Marina.


La legge stabilisce che "i posti devono essere occupati in una proporzione di almeno l'1% del totale da travestiti, transessuali e transgender, che soddisfino le condizioni richieste". E' stato fissato il termine del 30 novembre per l'adeguamento dei militari a tale decreto.