Il governo vieta le manifestazioni dei negazionisti vicino al Bundestag

Il ministero federale dell'Interno della Germania dice no dopo che il Parlamento era stato oggetto di un tentativo di violenta intrusione a fine agosto da parte di militanti `no-mask`.

Negazionisti in Germania

Negazionisti in Germania

globalist 17 novembre 2020

La gente si contagia e muore e questi continuano a rompere le scatole al prossimo: 
Il governo tedesco, che teme degenerazioni, ha vietato agli attivisti anti-mascherina di radunarsi domani vicino alla sede del parlamento a Berlino, dove si devono votare nuove misure contro la pandemia.

Il ministero federale dell'Interno ha annunciato in un comunicato di aver respinto non meno di dieci richieste di autorizzazione a manifestare presso le due camere tedesche, una delle quali era già stata oggetto di un tentativo di violenta intrusione a fine agosto da parte di militanti `no-mask`.


I manifestanti intendono protestare contro il voto delle due camere, previsto per domani, su nuove misure restrittive destinate a contrastare la pandemia di Covid-19. "L'autorizzazione viene concessa solo se non c'è motivo di temere che le attività del Bundestag o il libero accesso ai suoi edifici siano ostacolati. Queste condizioni non sono soddisfatte", ha detto il ministero.
Il governo ha giustificato il divieto in particolare con "l’appello a bloccare l'accesso al Bundestag e al Bundesrat", avvistato sui social network dalla polizia. Le forze dell’ordine temono anche, secondo una lettera del responsabile della sicurezza del Bundestag ai parlamentari citata dalla stampa tedesca, che la sede del Parlamento e le persone che vi lavorano siano oggetto di "attacchi".