Top

Lettera a Biden della diaspora progressista ebraica : "Lavoriamo per una pace giusta in Medio Oriente"

Ricucire ciò che il duo Trump&Netanyahu hanno divelto: il rapporto tra la diaspora ebraica mondiale, nelle sue componenti progressiste, gli Stati Uniti e Israele. L'appello di J-Link

Jeo Biden e Kamala Harris
Jeo Biden e Kamala Harris

Umberto De Giovannangeli

12 Novembre 2020 - 16.53


Preroll

Ricucire ciò che il duo Trump&Netanyahu hanno divelto: il rapporto tra la diaspora ebrai camondiale, nelle sue componenti progressiste, gli Stati Uniti e Israele. E’ la speranza che c’è al fondo della lettera, che Globalist pubblica in italiano inviata dal Comitato di coordinamento di J-Link al Presidente eletto Joe Biden e alla Vicepresidente eletta Kamala Harris.

OutStream Desktop
Top right Mobile

 

Middle placement Mobile

“Caro Presidente eletto Biden e Vicepresidente eletto Harris:

Dynamic 1

J-Link, una rete internazionale di organizzazioni ebraiche progressiste, si congratula con lei per la sua elezione. Le auguriamo un grande successo con i suoi sforzi per sanare le divisioni, promuovere la giustizia e accrescere la speranza a livello nazionale e globale. Come ebrei che hanno a cuore lo Stato di Israele, la sua democrazia e la sua sicurezza, vi invitiamo a rinnovare gli aiuti umanitari al popolo palestinese e a ristabilire i contatti degli Stati Uniti con l’Autorità palestinese. Questi passi e altri vi permetteranno di riaccendere i colloqui di pace per portare ad una soluzione del conflitto israelo-palestinese. In allegato a questa lettera c’è la nostra dichiarazione della missione J-Link.  Sosteniamo il tradizionale ruolo degli Stati Uniti come promotori di pace rispettati e imparziali in Medio Oriente. Non vediamo l’ora di lavorare con il suo governo a sostegno del nostro comune desiderio di un futuro di pace.   

Rispettosamente vostro,

Dynamic 2

Comitato di coordinamento J-Link,

Ken Bob (Ameinu, U.S.A.), Barbara Landau (JSpaceCanada, Canada), Alon Liel (Policy Working Group, Israele), Pablo Lummerman (J-AmLat, Argentina), Giorgio Gomel (JCall Europe, Italia), Gabriella Saven (The Jewish Democratic Initiative, Sud Africa).

Dynamic 3

 

Un impegno a tutto campo

Dynamic 4

J-Link è una rete internazionale di organizzazioni ebraiche progressiste. Nel suo atto fondativo c’è il senso di un impegno per una pace giusta tra Israeliani e Palestinesi che non è mai venuto meno nel corso degli anni: “Condividiamo l’amore per Israele e l’impegno per la democrazia, i diritti umani, il pluralismo religioso e la risoluzione pacifica del conflitto israelo-palestinese.  Crediamo nei valori sanciti dalla Dichiarazione d’Indipendenza di Israele, che promettono “la completa uguaglianza dei diritti sociali e politici a tutti i suoi abitanti, indipendentemente dalla religione, dalla razza e dal sesso”.

“The International Progressive Jewish Network comprende organizzazioni ebraiche degli Stati Uniti, del Canada, dell’Europa, dell’America Latina, del Sudafrica e dell’Australia. Insieme alle organizzazioni israeliane, collaboriamo per fornire una voce unificata a sostegno della democrazia, del pluralismo religioso e della risoluzione pacifica del conflitto israelo-palestinese. I costi umani e materiali di questo conflitto sono tragici, come dimostra la crisi umanitaria a Gaza, la continua violenza con la perdita di vite umane da entrambe le parti e la minaccia alla convivenza tra arabi ed ebrei all’interno di Israele.

Dynamic 5

Crediamo nei valori e nei principi profondi del giudaismo, che considera la dignità umana come sacrosanta e la giustizia come un imperativo assoluto.  I nostri valori condivisi includono la necessità di sostenere il pluralismo e la democrazia per garantire la protezione dei diritti delle minoranze e la coesistenza di diverse identità culturali, etniche e religiose in società aperte. Siamo preoccupati per l’aumento dell’intolleranza, della xenofobia e dell’ultranazionalismo nel mondo.  Costruire una rete globale di ebrei progressisti per contrastare l’antisemitismo e il razzismo, che minano la democrazia e la tolleranza a livello internazionale, è una necessità morale ed esistenziale.

Vediamo un divario sempre più ampio tra gli ebrei di diverse regioni del mondo che si occupano di diritti umani, uguaglianza e pluralismo, e il crescente numero di israeliani che sono inclini al nazionalismo parrocchiale. Molti ebrei impegnati a contrastare la xenofobia anti-immigrazione e l’aumento dell’antisemitismo trovano difficile conciliare questi valori con lo spirito illiberale e nazionalista che prevale in Israele. Rifiutiamo la campagna del governo israeliano per mettere a tacere l’opposizione alle sue politiche equiparando falsamente le critiche a Israele all’antisemitismo. Una tale campagna indebolisce la lotta contro i veri casi di antisemitismo e, invece, rafforza le mani degli antisemiti in tutto il mondo.

Continuiamo a credere nei valori sanciti dalla Dichiarazione d’Indipendenza di Israele, secondo cui lo Stato di Israele come patria democratica del popolo ebraico garantirà “la completa uguaglianza dei diritti sociali e politici a tutti i suoi abitanti, indipendentemente dalla religione, dalla razza e dal sesso”.  Siamo molto preoccupati per le tendenze razziste e discriminatorie che stanno prendendo piede in Israele. Ci opponiamo a iniziative come la Legge Stato-nazione, che discrimina le minoranze non ebraiche nel Paese. 

Sosteniamo i movimenti e i partiti in Israele impegnati a porre fine all’occupazione e a raggiungere la pace tra israeliani e palestinesi sulla base del diritto all’autodeterminazione dei due popoli.  Miriamo a coordinare le campagne che mobilitano gli ebrei in tutto il mondo e gli israeliani che condividono valori progressisti, cooperano per difendere la democrazia e lo stato di diritto.

The International Progressive Jewish Network aspira a lavorare con le nostre rispettive comunità ebraiche locali, i nostri governi nazionali e le organizzazioni internazionali per promuovere l’adozione di politiche che promuovano la giustizia, i diritti umani e un accordo di pace tra i popoli di Israele e Palestina”.

Un impegno che la presidenza Biden può rilanciare, partendo da uno dei temi cruciali: lo stop alla colonizzazione di Gerusalemme Est.

Ricorda in proposito Nir Hasson, firma di punta di Haaretz: “Biden ha avuto un ruolo importante nel congelamento della colonizzazione di Gerusalemme Est durante l’amministrazione di Barack Obama. Nel 2010 ha visitato Israele come vice presidente. Poche ore dopo  il ricevimento ufficiale  offerto dal primo ministro Benjamin Netanyahu, il comitato per la pianificazione regionale e la costruzione di Gerusalemme, annunciò un piano per la costruzione di 1.800 nuove unità abitative nel quartiere Ramat Shlomo a nord della capitale, sulla linea verde. Biden e gli alti funzionari dell’amministrazione Obama erano furiosi per l’annuncio e lo vedevano come un’umiliazione di Biden, che cercava di promuovere il rinnovo dei colloqui di pace con i palestinesi. Di conseguenza, scoppiò una grave crisi diplomatica con gli Stati Uniti e per alcuni anni la costruzione della linea verde a Gerusalemme è stata bloccata nella pratica. Tutti i delicati piani di costruzione richiedevano l’approvazione dell’Ufficio del Primo Ministro, che non l’ha concessa. Quando Donald Trump è entrato alla Casa Bianca quattro anni fa, questa costruzione è stata sbloccata. Il piano Ramat Shlomo, che nel frattempo si è guadagnato il soprannome di “quartiere Biden”, è stato completato, e centinaia di altre unità residenziali sono state costruite nei quartieri Gilo, Pisgat Ze’ev e Har Homa, così come in altri luoghi. Recentemente, dopo che i risultati delle elezioni presidenziali statunitensi sono diventati chiari, i funzionari dell’ufficio dell’ingegneria comunale e della divisione di pianificazione urbanistica del municipio di Gerusalemme sono stati incaricati di accelerare l’approvazione dei piani di costruzione oltre la Linea Verde per timore che sarebbe stato molto più difficile approvarli dopo il cambio di amministrazione. I grandi piani di costruzione per gli ebrei oltre la Linea Verde comprendono migliaia di unità a Givat Hamatos, Har Homa, Atarot e altri quartieri. Uno dei quartieri al centro dello scontro con gli americani sotto Obama era Givat Hamatos. Per l’amministrazione statunitense, questo quartiere era particolarmente sensibile perché poteva bloccare il quartiere palestinese di Beit Safafa da tutte le parti – e secondo molti, avrebbe messo fine a qualsiasi possibilità di dividere Gerusalemme in futuro”.

Una storia che il Presidente eletto americano non ha dimenticato. Netanyahu lo sa bene, per questo prova di nuovo a realizzare ciò che gli riesce meglio: la politica dei fatti compiuti.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage