Trump minaccia di inviare le forze speciali nelle città governate dai sindaci 'democratici liberal'

Il presidente: "Invieremo le forze dell'ordine, non possiamo permettere che questo avvenga alle nostre città" ha detto parlando di New York, Chicago, Philadelphia, Detroit, Baltimora e Oakland"

Trump

Trump

globalist 21 luglio 2020
Donald Trump ha inviato a Portland le forze speciali federali, in molti casi in divisa camouflage non identificabile e auto senza simboli, per disperdere i manifestanti. E davanti alle proteste, Trump rincara la dose e promette di inviare forze federali per riportare l'ordine in diverse grandi città americane, tutte governate da sindaci da lui definiti "democratici liberal".
"Invieremo le forze dell'ordine, non possiamo permettere che questo avvenga alle nostre città" ha detto parlando di New York, Chicago, Philadelphia, Detroit, Baltimora e Oakland. Parlando in particolare di Chicago, dove oltre 63 persone sono state coinvolte in sparatorie nel weekend con 12 rimaste uccise, ha detto che "questo è molto peggio dell'Afghanistan, tutte guidate da democratici liberal".
"E sapete cosa? Se Biden vincerà, questo sarà vero per tutto il Paese - ha aggiunto - l'intero Paese andrà all'inferno. E noi non permetteremo che vada all'inferno". Parole che hanno spinto i critici a pensare che questa sia una mossa elettorale di Trump che, in difficoltà nei sondaggi, cerca di continuare la carta del "presidente law and order" come ha fatto nei giorni più duri delle proteste del movimento Black Lives Matter.