Senzatetto parcheggiati come auto: la scelta di Las Vegas fa inorridire il mondo

Eppure gli oltre cento hotel della città, con oltre 150mila posti letto, sono vuoti, "chiusi per virus". 

Las Vegas

Las Vegas

globalist 2 aprile 2020
Scandalo e polemiche a Las Vegas, dove decine di senzatetto sono stati sistemati temporaneamente "come auto" in un grande parcheggio all'aperto. Il rifugio della Catholic Charities è stato chiuso dopo che un clochard è risultato positivo al coronavirus e le autorità non hanno trovato di meglio che il parcheggio del Cashman Center, un complesso per convention e partite di baseball.
Eppure gli oltre cento hotel della città, con oltre 150mila posti letto, sono vuoti, "chiusi per virus". A suscitare l'indignazione sono state le foto, pubblicate sui social, in cui si vedono i senzatetto occupare con i loro materassini rettangoli dipinti di bianco sul cemento, come i posti per le auto, pensati per mantenere la distanza sociale di circa due metri. "Orrido, è la prova del fallimento di una società", hanno scritto gli utenti. Per papa Francesco queste foto "colpiscono il cuore" e "questi giorni di dolore e di tristezza evidenziano tanti problemi nascosti".