L'epidemiologo che ha fatto cambiare idea a Johnson ha i sintomi del coronavirus

Neil Ferguson ha spiegato al premier inglese che senza misure di contenimento drastiche in Gran Bretagna ci potrebbero essere centinaia di migliaia di decessi per il Covid-19

Neil Ferguson

Neil Ferguson

globalist 18 marzo 2020

Ora nel Regno Unito se ne accorgeranno: in autoisolamento dopo aver sviluppato i sintomi del Covid-19 anche l'epidemiologo dell'Imperial College di Londra che, con i suoi modelli, ha convinto il premier Boris Johnson, a cambiare idea e ad adottare misure per il contenimento dell'epidemia del nuovo coronavirus.


Neil Ferguson, che ieri ha preso parte a una conferenza stampa a Downing Street, ha reso noto in un tweet di essersi messo in auto isolamento dopo aver iniziato a tossire ieri e aver iniziato ad avere febbre molto alta nella notte.


I modelli di Ferguson confermano che senza misure di contenimento drastiche in Gran Bretagna ci potrebbero essere centinaia di migliaia di decessi per il Covid-19. "Il centro di Londra è un focolaio in questo momento. A Westminster ci sono molti casi di Covid-19", ha denunciato Ferguson.