Top

Addio al plurimiliardario Paul Allen: fondò la Microsoft con Bill Gates

Aveva 65 anni. E' morto a Seattle in seguito a complicazioni per un linfoma non Hodgkin, lo stesso tipo di cancro che aveva sconfitto nove anni fa

Paul Allen e Bill Gates
Paul Allen e Bill Gates

globalist Modifica articolo

16 Ottobre 2018 - 08.14


Preroll

Addio a Paul Allen, co-fondatore di Microsoft con Bill Gates. Allen, ha fatto sapere la famiglia, è morto ieri a Seattle all’età di 65 anni per le complicazioni legate a un linfoma non Hodgkin, un tumore che gli era stato diagnosticato anni fa e che lo aveva allontanato dall’azienda che aveva contribuito a fondare. Curato più volte, è sempre tornato: finendo per ucciderlo a soli 65 anni.
All’inizio di ottobre, il geniale ed eclettico co-fondatore di Microsoft, aveva fatto sapere via Twitter e sul suo sito web di avere di nuovo il cancro, il linfoma non-Hodgkin che sembrava aver sconfitto nove anni prima.
“Mio fratello – ha sottolineato la sorella Jody – era un individuo incredibile da ogni punto di vista. Mentre molti conoscono Paul Allen come tecnologo e filantropo, per noi era un amato fratello, uno zio e un amico eccezionale”.
Allen aveva lasciato Microsoft nel 1983. Tramite la Vulcan Inc, fondata nel 1986, gestiva insieme alla sorella le sue attività imprenditoriali e filantropiche. Era il proprietario, tra l’altro, della squadra di football Seattle Seahawks e della squadra di basket Portland Trail Blazer.
La sua prima battaglia contro il cancro era iniziata nel 1983, quando fu costretto a lasciare la Microsoft, otto anni dopo la sua fondazione, avvenuta il 4 aprile 1975 ad Albuquerque, nel New Mexico. La quota nella società fondata con Bill Gates lo ha reso plurimiliardario.
“Aveva sempre tempo per la sua famiglia e i suoi amici – ha scritto ancora la sorella dando la notizia della sua morte – in questo momento di dolore siamo profondamente grati per le attenzioni che ci ha dimostrato ogni giorno”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile