Top

Lugansk: commando armato occupa il centro e blocca l'accesso al parlamento

Misterioso episodio nella capitale dell'autoproclamata repubblica. Igor Kornet smentisce la sua rimozione da ministro dell'Interno e annuncia arresti di alcuni funzionari

Igor Plotnitsky leader della autoproclamata repubblica di Lugansk
Igor Plotnitsky leader della autoproclamata repubblica di Lugansk

globalist Modifica articolo

21 Novembre 2017 - 15.29


Preroll

Un commando di uomini armati anche di mortai ha bloccato il centro di Lugansk, capitale dell’autoproclamata repubblica omonima fondata in Ucraina da separatisti filo-russi. Gli uomini vestono abiti militari, ma non hanno mostrine nè altri segni che ne possano fare identificare l’appartenenza. Il commando, composto da uomini armati di kalashnkov e con il volto coperto, ha anche sbarrato l’ingresso del palazzo del governo e del locale parlamento. Secondo l’agenzia ucraina Unian, l’azione del commando potrebbe essere stata ispirata dall’ex ministro dell’Interno, Igor Kornet, licenziato ieri dal leader della repubblica Igor Plotnitskiy. Ma Kornet ha detto di essere ancora nella pienezza delle sue funzioni ed ha annunciato l’arresto di alcuni alti funzionari pubblici. Si tratterebbe, secondo di Kornet, di collaborazionsti ucraini 

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile