Top

In Malawi caccia aperta ai 'vampiri', massacrati due passanti

Una delle vittime era un ragazzo affetto da epilessia, bruciato vivo all'uscita da un ospedale. L'altro è stato lapidato in strada.

In Malawi caccia aperta ai 'vampiri'

globalist

20 Ottobre 2017


Preroll
Tra superstizione e stregoneria, in Malawi, uno dei Paesi più poveri del mondo, si è scatenata una insensata caccia al vampiro che, da settembre ad oggi, secondo quanto riferiscono alcuni media, che riportano notizie di giornali locali, avrebbe fatto già sei incolpevoli vittime. Persone che, in un crescendo di violenze, hanno pagato con la vità il dilagare della paura contro i ”succhiatori di sangue”, come vengono chiamati. Non si tratta di creature demoniache nel senso di quelle tramandate dalle leggende europee o dalla penna di uno scrittore (come il Dracula di Bram Stoker), ma di uomini sospettati di  nutrirsi del sangue altrui. E non si tratta di una caccia per modo di dire, perchè, nelle scorse ore, a Blantyre, secondo centro per dimensioni del Paese, due persone sono state linciate da un gruppo di autonominatisi vigilantes che le hanno sorprese per strada e uccise.
Una delle due vittime, ha riferito un portavoce della polizia, era un ragazzo di 22 anni, affetto da epilessia e che è stato sorpreso dai ‘cacciatori di vampiri’ non appena uscito dall’ospedale. E’ stato circondato picchiato e dato alle fiamme. Stessa sorte, a distanza di poche ore, per la seconda vittima, un uomo che è stato lapidato per strada. A fare le spese dell’ondata di violenza, in un Paese in cui la stregoneria è molto seguita, è stata anche una coppia di belgi che il 15 settembre, a bordo di un 4×4 dopo un viaggio in Sud Africa, sono stati aggrediti e feriti gravemente, mentre il loro automezzo è stato fatto a pezzi.
Questa follia ha costretto il presidente del Malawi, Peter Mutharika, a recarsi nei distretti meridionali del Paese, teatro delle uccisioni, per cercare di fermare la violenza. Che non è solo comunque di un pugno di folli che pensano che esistono i vampiri e che uccidono chiunque per loro passi la sua vita a succhiare il sangue.
Il dilagare della violenza, legata alla criminalità comune, ha indotto l’ambasciata degli Stati Uniti e le Nazioni Unite a sconsigliare di visitare i distretti interessati dal fenomeno ed a diminuire la presenza di loro rappresentanti. la visita.
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage