Brennero: per l’estrema destra austriaca i controlli sono inevitabili
Top

Brennero: per l’estrema destra austriaca i controlli sono inevitabili

A dirlo è Norbert Hoferm il leader dalla destra Fpö: bisogna mettere in sicurezza confini Schengen. Delrio: un danno gravissimo per l'Ue

Brennero: per l’estrema destra austriaca i controlli sono inevitabili
Preroll

Desk2 Modifica articolo

26 Aprile 2016 - 17.23


ATF

L’Austria non vuole sentire ragioni, né dall’Italia e né dall’Europa. Il “muro” del Brennero si farà. E lo conferma ancora di più Norbert Hofer, per il quale i controlli al Brennero sono inevitabili. “Non mi fanno di certo piacere, ma non abbiamo altra scelta”, ha detto il leader dalla destra Fpoe, vincitore del primo turno alle presidenziali austriache.

Secondo il politico di estrema destra, “i confini esterni di Schengen vanno messi in sicurezza, in questo modo potrebbero essere sospesi i provvedimenti temporanei”. Nel corso di una conferenza stampa Hofer ha ribadito che “solo il 20% degli arrivi in Austria sono veri profughi che inoltre hanno attraversato paesi sicuri”.

Heinz-Christian Strache, il capo del partito liberal-populista Fpo, appoggia Hofer sulla questione dei controlli al Brennero. “La responsabilità è di Roma. Se Roma non adempie ai suoi compiti, saremo costretti ad agire”, ha detto Strache, nel corso della conferenza stampa con Hofer che ha ribadito che “solo il 20% degli arrivi in Austria sono veri profughi che inoltre hanno attraversato paesi sicuri”.

Leggi anche:  Doppia strage di migranti nel Mediterraneo: decine tra morti e dispersi in due naufragi

Delrio, chiusura del Brennero è un danno gravissimo per l’Ue. “La chiusura del Brennero sarebbe un danno gravissimo per l’economia e per i trasporti, ma sarebbe un danno gravissimo anche per l’Unione europea perché il passo del Brennero è il simbolo dell’integrazione europea”. Così il ministro dei Trasporti Graziano Delrio a margine di un’iniziativa a Fiumicino. “Noi confidiamo ci sia un ripensamento – aggiunge poi Delrio – Il danno economico sarà enorme ma c’è anche un fatto simbolico. Chiudere i valichi significa far arretrare il progetto politico dell’Europa che è più che mai necessario”.

Native

Articoli correlati