Tir bloccato sul Brennero, nessun autista vuole guidare in Italia per paura del Coronavirus
Top

Tir bloccato sul Brennero, nessun autista vuole guidare in Italia per paura del Coronavirus

Lo ha reso noto il sindaco di Gorizia: "Necessario abbassare i toni, questa situazione può veramente mettere in ginocchio la nostra economia"

Brennero
Brennero
Preroll

globalist Modifica articolo

4 Marzo 2020 - 16.21


ATF

Il sindaco di Gorizia, Rodolfo Ziberna, ha reso noto che “un mezzo pesante, proveniente dalla Germania, che avrebbe dovuto consegnare materiali a Gorizia per i lavori di sistemazione di una scuola, è rimasto fermo al Brennero, perché non si trovano autisti disposti a guidarlo in Italia” a causa dell’emergenza Coronavirus. Secondo quanto si è appreso, i conducenti del Tir non sarebbero soltanto impauriti dalla possibilità di contrarre il virus, ma vogliono evitare l’eventuale quarantena che potrebbe essere loro imposta al rientro in patria, fermandosi così per 15 giorni.

“Questo, purtroppo, fa capire l’assoluta necessità di abbassare i toni, pur nell’ambito di una comunicazione trasparente, perché altrimenti rischiamo davvero di mettere in ginocchio l’economia italiana e di fermare il Paese – prosegue l’amministratore isontino -. Sono certo che la situazione italiana non è peggiore degli altri stati ma, come purtroppo succede troppo spesso in ambito europeo, ognuno va per conto suo e ci sono nazioni che hanno fatto decine di migliaia di tamponi e altre che ne hanno fatte alcune centinaia e quindi, da noi sono stati scoperti più casi che altrove. Non voglio semplificare o minimizzare, ma solo evidenziare i rischi che stiamo correndo enfatizzando eccessivamente la situazione sanitaria collegata al nuovo Coronavirus”, ha spiegato Ziberna.

Leggi anche:  Inchiesta mascherine, la Procura chiede 1 anno e 4 mesi di carcere per Domenico Arcuri: le accuse dei Pm

“Nel frattempo, pur con tutte le cautele ampiamente comunicate e con accorgimenti di semplice buonsenso, senza ingiustificati allarmismi, continuiamo la nostra vita il più normalmente possibile. Ne usciremo tutti insieme”, l’appello finale di Ziberna. 

 

Native

Articoli correlati