Memoria fotografica del terremoto in Giappone
Top

Memoria fotografica del terremoto in Giappone

Google ha creato un sito web in cui è possibile mettere a confronto gli stessi luoghi, prima e dopo il terremoto dell’11 marzo 2011. [Pino Bruno]

Memoria fotografica del terremoto in Giappone
Preroll

Pino Bruno Modifica articolo

7 Dicembre 2012 - 12.05


ATF
di Pino Bruno

Quando la ricostruzione sarà completata, del terremoto e dello tsunami dell’11 marzo 2011 in Giappone non resterà traccia, ma gli scienziati avranno a disposizione una miniera di informazioni e immagini sul disastro. Google si è mobilitata per il progetto Memories for the Future e ha fatto scattare foto ad alta risoluzione attraverso migliaia di chilometri nelle aree devastate.

Il risultato è un sito web senza precedenti, costruito con Street View, in cui è possibile mettere a confronto gli stessi luoghi, gli stessi edifici, prima e dopo terremoto e tsunami. In altre pagine si accumulano i ricordi personali dei sopravvissuti, che spediscono a Google foto e filmati di luoghi e persone che non ce l’hanno fatta.

La nostra speranza – dicono i promotori di Memories for the Future – è che il progetto possa contribuire a conservare i ricordi del terremoto, da trasmettere alle generazioni future.

Cliccate su questa pagina – [url”the after”]http://www.miraikioku.com/streetview/en/after[/url] – e trascinate l’omino giallo di Street View sulla mappa. Salirete a bordo della Google Car per un viaggio dal forte impatto emotivo.

P.S. Lugubre coincidenza di cronaca: “Una forte scossa di terremoto, di magnitudo 7.4, è stata registrata oggi – 7 dicembre 2012 – alle 17.18 locali (9.18 in Italia) al largo delle coste orientali del Giappone. Il sisma è stato avvertito a Tokio. La Japan Meteorological Agency ha lanciato un allarme tsunami con onde alte fino a 1 metro nella prefettura di Miyagi, dopo la scossa. La prefettura di Miyagi fu coinvolta dal sisma e dallo tsunami del 2011. L’epicentro del terremoto, magnitudo è stato individuato nelle acque dell’Oceano Pacifico Settentrionale, a 492 chilometri da Tokyo, dove gli edifici hanno tremato in modo evidente, secondo quanto riportato dalla televisione pubblica Nhk. Secondo l’Usgs, l’istituto sismologico americano, la profondità dell’epicentro è di 32 chilometri”.

Se vuoi leggere l’articolo con tutti i link [url”clicca qui”]http://pinobruno.globalist.it/2012/12/memoria-fotografica-del-terremoto-in-giappone/[/url].

Leggi anche:  Google e Microsoft consumano più energia di Islanda, Ghana e Tunisia
Native

Articoli correlati