Al Bano si incammina su tonalità acute e canta l'Inno di Mameli tra stecche e note improvvisate
Top

Al Bano si incammina su tonalità acute e canta l'Inno di Mameli tra stecche e note improvvisate

Tra cori e fuochi d'artificio Al Bano allo stadio Olimpico ha cantato a cappella l'Inno di Mameli prima dell'inizio della finale di Coppa Italia tra Atalanta e Juventus. Ma la performance è stata un disastro.

Al Bano
Preroll

globalist Modifica articolo

16 Maggio 2024 - 00.14


ATF

Alla storia degli inni d’Italia improbabili ora c’’è entrato anche lui. Tra cori e fuochi d’artificio Al Bano allo stadio Olimpico ha cantato a cappella l’Inno di Mameli prima dell’inizio della finale di Coppa Italia tra Atalanta e Juventus. Ma la performance è stata un disastro.

Il cantante si è incamminato su una tessitura eccessivamente acuta e non ha saputo gestire la situazione. 

Così ha allontanato il microfono per non far sentire le stecche. 

La frase finale  – siamo pronti alla morte – è stata improvvisata al ribasso ed è stato facile anche notare l’incertezza del cantante nel proseguire il canto in attesa che gli venisse l’idea di mascherare la melodia.

Che dire? Fare qualche prova non sarebbe stato male. Altrimenti la figura barbina è dietro l’angolo

Leggi anche:  'Busoni 100' con tanti spettacoli a Empoli in onore del musicista che anticipò le avanguardie
Native

Articoli correlati