Ricorso respinto, Robinho arrestato: lo aspettano 9 anni di prigione per stupro
Top

Ricorso respinto, Robinho arrestato: lo aspettano 9 anni di prigione per stupro

L'ex calciatore della nazionale e del Milan, Robson de Sousa, è stato arrestato dalla polizia federale dopo che il giudice della Corte suprema (Stf) Luiz Fux ha rigettato la richiesta della difesa dell'atleta di sospendere l'esecuzione della condanna

Ricorso respinto, Robinho arrestato: lo aspettano 9 anni di prigione per stupro
Preroll

globalist Modifica articolo

22 Marzo 2024 - 01.07


ATF

Ricorso respinto e cella pronta. Per Robinho si apriranno le porte di un carcere brasiliano. L’ex calciatore della nazionale e del Milan, Robson de Sousa, è stato arrestato dalla polizia federale dopo che il giudice della Corte suprema (Stf) Luiz Fux ha rigettato la richiesta della difesa dell’atleta di sospendere l’esecuzione della condanna a nove anni per stupro, comminata dal tribunale di Milano nel 2017 e che per decisione della magistratura brasiliana sarà scontata nel Paese sudamericano.

L’atleta si trovava con la famiglia nella sua villa di Guaruja, sul litorale paulista, quando è stato raggiunto dagli agenti per esser condotto prima presso la sede della polizia federale di Santos e poi, dopo delle formalità di rito, essere trasferito in un penitenziario che sarà indicato dalle autorità.

La difesa di Robinho sostiene che la decisione dei giudici del Supremo tribunale di giustizia (Stj) di omologare la sentenza italiana sia incostituzionale e, per questo, confidando in una possibile revisione dal provvedimento da parte del Stf – ultimo possibile ricorso giudiziario – aveva chiesto di rinviare il momento del trasferimento in carcere. «È plausibile che la Corte suprema ci dia ragione, ma per poter presentare il ricorso dobbiamo aspettare di leggere le motivazioni della sentenza e non sappiamo quando sarà possibile». Per questo, considerato che il calciatore «non ha intenzione di sottrarsi alla giustizia» è giusto che aspetti in libertà la decisione inappellabile della Corte, aveva dichiarato alla stampa l’avvocato José Eduardo de Alckmin. Ma l’istanza, presentata con «urgenza», è stata affidata alla valutazione del giudice di turno Fux, che in poche ore si è espresso contro la richiesta.

Leggi anche:  Brasile, il racconto di un giovane italiano che ha vissuto la drammatica alluvione che ha colpito il Paese

I magistrati del Stj avevano deciso per l’immediata carcerazione considerati i lunghi anni che Robinho ha trascorso in libertà dopo la condanna definitiva in Italia, a cui si era sottratto trasferendosi in Brasile, sapendo che la legge del Paese sudamericano impedisce l’estradizione dei suoi cittadini.

Il calciatore era stato condannato in via definitiva in Italia per lo stupro di gruppo di una giovane albanese avvenuto nel 2013 in una discoteca di Milano. La vittima era «incosciente» a causa dell’abuso di alcol. Robinho e i cinque complici hanno sempre affermato che la vittima fosse consenziente. 

Native

Articoli correlati