Top

Nba, il proprietario dei Phoenix Suns condannato per razzismo e sessismo: un anno di squalifica e multa di 10 milioni

Sarver ha utilizzato «un linguaggio indelicato dal punto di vista razziale» e si è reso colpevole di «trattamento iniquo nei confronti delle dipendenti donne e affermazioni e condotta sessiste».

Nba, il proprietario dei Phoenix Suns condannato per razzismo e sessismo: un anno di squalifica e multa di 10 milioni
Il proprietario dei Phoenix Suns

globalist Modifica articolo

14 Settembre 2022 - 11.35


Preroll

Il proprietario dei Phoenix Suns, Robert Sarver, è stato condannato a un anno di squalifica e una multa di dieci milioni di dollari. Questi i provvedimenti adottati dalla Nba per una condotta che «viola chiaramente i normali standard sul posto di lavoro».

OutStream Desktop
Top right Mobile

Dall’indagine – 320 persone intervistate e 80 mila fra documenti e video analizzati – è emerso che Sarver ha utilizzato «un linguaggio indelicato dal punto di vista razziale» e si è reso colpevole di «trattamento iniquo nei confronti delle dipendenti donne e affermazioni e condotta sessiste», con un trattamento riservato ai suoi impiegati che in alcuni casi è sfociato «nel bullismo».

Middle placement Mobile

A salvare il proprietario dei Suns da sanzioni più pesanti il fatto che la Nba abbia riconosciuto che questo suo comportamento non fosse motivato da «ostilità razziale o di genere»: nel 2014 Donald Sterling, allora proprietario dei Clippers, fu squalificato a vita e costretto a vendere la franchigia dopo la diffusione di alcuni audio privati in cui utilizzava un linguaggio razzista. Sarver, dal canto suo, sottolinea di non essere d’accordo con alcuni punti della relazione stilata nei suoi confronti ma ha voluto scusarsi «per le mie parole ed azioni che hanno offeso i nostri dipendenti. Mi assumo la piena responsabilità per quello che ho fatto»

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile