Il procuratore di Marsiglia: hooligans russi addestrati a combattere
Top

Il procuratore di Marsiglia: hooligans russi addestrati a combattere

Le autorità francesi preparano le contromosse: dieci ultras processati per direttissima

Hooligans russi
Hooligans russi
Preroll

globalist Modifica articolo

13 Giugno 2016 - 15.37


ATF

Hooligans inglesi? Certo. Ma dietro le violenze che sono scoppiate a Marsiglia prima di Inghilterra-Russia ci sono statio 150 ultras russi “addestrati a combattere”.
La denuncia viene dal procuratore di Marsiglia, Brice Robin, che ha parlato dopo un fine settimana pieno di violenza nella città che sta ospitando le partite del gruppo B.
Il procuratore ha detto di non pensare i teppisti russi fossero “professionisti”, ma che fossero veri e propri estremisti. Tra i 12 mila tifosi russi ce ne erano circa 150  che in realtà erano hooligans. Ha detto Robin: “Queste persone sono state ben preparati per portare a temine un blitz oltremodo violento. Queste persone davvero  ben addestrate.”
L’inquirente francese non ha comunque assolto gli inglesi: “Anche loro sono esponsabili di alcune delle violenze. 20 persone sono state arrestate, tra cuji un ragazzo di 16 anni e 10 di loro (sei britannici, un austriaco e tre francesi) saranno processati per direttissima.
Anche per questo Roy Hodgson e Wayne Rooney hanno lanciato un appello ai loro tifosi di non provocare altri guai, dopo che la Uefa ha minacciato di allontanare sia l’Inghilterra che la Russia dal torneo.
Anche le autorità russe hanno invitato i loro supporter a “rispettare la legge” e “rispettare gli avversari e le loro tifoserie”.

Leggi anche:  Più di dieci mila russi si sono rifiutati di andare in guerra affrontando processi e carcere
Native

Articoli correlati