Ci si può ammalare due volte di Coronavirus? La risposta di Roberto Burioni

In alcuni casi sembra che sia stato possibile, ma Burioni specifica: "I dati sono insufficienti per avere una risposta chiara"

Burioni

Burioni

globalist 11 marzo 2020

Una persona guarita da Coronavirus può infettarsi di nuovo? A questa domanda cerca di rispondere Roberto Burioni su Medical Facts, visti alcuni casi di persone che sembrano aver preso il virus due volte. Uno di questi, che ha fatto scalpore, è il caso di una donna giapponese, che - dimessa - è tornata in ospedale con il virus di nuovo in corpo. 
Ma, spiega Burioni, questi non sono dati sufficienti per dire che ci si può riammalare. È infatti possibile che la paziente non fosse guarita del tutto già dall'inizio. 
"Esistono" spiega Burioni, "dei virus da cui il nostro sistema immunitario non ci protegge anche se li conosce già. È il caso del virus respiratorio sinciziale, oppure dell'epatite C. In questi casi, a differenza dei virus come morbillo e varicella, che una volta presi saranno sempre riconosciuti e neutralizzati dal nostro organismo, i virus possono effettivamente infettare di nuovo, in alcuni casi addirittura in maniera più grave. Ma non sappiamo se questo è il caso del Coronavirus: non abbiamo avuto ancora abbastanza tempo per osservare come si comporta questo virus, soprattutto per distinguere chi si è infettato per la prima volta da chi - nel caso fosse possibile - si è infettato più volte. Ci vorrà del tempo, e uno studio lungo. Quindi, la risposta a questa domanda è, per il momento, 'non lo sappiamo'".