Mar Rosso, Crosetto: "Il mondo sta cambiando e l'Italia deve prepararsi, anche con riservisti pronti a partire..."
Top

Mar Rosso, Crosetto: "Il mondo sta cambiando e l'Italia deve prepararsi, anche con riservisti pronti a partire..."

Mar Rosso, Crosetto: "C'è una guerra commerciale in atto che vuole alterare le regole globali. Le navi russe e cinesi non vengono attaccate e la cosa viene annunciata apertamente. Questo crea un disallineamento commerciale".

Mar Rosso, Crosetto: "Il mondo sta cambiando e l'Italia deve prepararsi, anche con riservisti pronti a partire..."
Guido Crosetto
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Gennaio 2024 - 09.07


ATF

Guido Crosetto, ministro della Difesa del governo Meloni e fedelissimo della leader di Fdi, in un’intervista A La Stampa ha parlato della situazione nel Mar Rosso, che secondo lui rappresenta un nuovo capitolo della guerra ibrida. «L’Italia manderà una nave nel Mar Rosso, che si aggiunge a quelle già presenti in zona per le altre missioni. Per andare più rapidi abbiamo trovato un accordo con Francia e Germania. Poi, però, per dei puri dettagli, si perdono settimane e ora non ce lo possiamo permettere».

Ha influito il fatto che la Spagna abbia frenato su un intervento europeo: «Quella del governo spagnolo è una diffidenza ideologica. Sànchez ha fatto prevalere l’interesse dei suoi accordi politici su quelli della sicurezza internazionale. C’è una guerra commerciale in atto che vuole alterare le regole globali. Le navi russe e cinesi non vengono attaccate e la cosa viene annunciata apertamente. Questo crea un disallineamento commerciale, perché le loro merci hanno costi di trasporto e di assicurazioni inferiori, cosa che si riflette sui prezzi. è una guerra che si innesca su un’altra guerra».

Leggi anche:  Fischi al ministro Sangiuliano, ma nella messa in onda Rai diventano applausi. L'opposizione: "Come Kim Jong Un"

«Noi non possiamo bombardare, a meno che ci sia una risoluzione internazionale o la richiesta di un Paese amico. Possiamo rispondere agli attacchi, magari anche anticipandoli». Verrà coinvolto il Parlamento: «Di sicuro. Ci saranno delle comunicazioni o passaggi formali, a seconda della configurazione della missione, con un voto dell’Aula».

«Gli Houthi sono molto organizzati e non facili da sconfiggere. Io spero che passi il messaggio che siamo davanti a uno scenario nuovo, che ci riguarda da vicino e che ci dobbiamo attrezzare. Abbiamo costruito regole con l’idea di un mondo sempre pacifico, di nazioni che non invadono le altre, di guerre che non incidono sul benessere dei nostri cittadini. E invece ci ritroviamo in un mondo diverso, in cui gli attori che lo stanno destabilizzando, Iran, Russia e Corea del Nord, hanno una capacità produttiva militare superiore a quella della Nato».

Deve cambiare il ruolo delle forze armate italiane: «Sì, abbiamo trasformato le forze armate con l’idea che non ci fosse più bisogno di difendere il nostro territorio e che la pace fosse una conquista di fatto irreversibile. Le Forze armate, in questo quadro, al massimo partecipano a missioni di pace, senza arrivare a scontri veri e propri. Ora i recinti sono stati abbattuti, non ci sono più regole».

Leggi anche:  Guerra di Gaza, il governo Meloni cambia la parola "catastrofe" in "crisi". Le opposizioni: "Non vi vergognate?"

Come «doversi difendere sul proprio territorio. Altra cosa che va prevista è intervenire in Paesi lontani per difendere gli interessi italiani. So che è un discorso difficile da accettare perché tutti noi tendiamo a nasconderci in una comfort zone».

«Noi non vogliamo la guerra, i riservisti non servono per fare la guerra, ma per difendersi, in supporto alle forze armate regolari, e solo nel caso, poco probabile, di un attacco diretto. Non c’è una visione ideologica, ma pragmatica. Come in Svizzera che non partecipa a conflitti da secoli ma è pronta a difendersi. Si tratta di volontari che, in caso di necessità, possono essere attivati per affiancare le forze armate. I militari dovranno specializzarsi sempre di più, ma poi serve un bacino più ampio». 

Native

Articoli correlati