Ex Ilva, Orlando (Pd): "La destra ha detto no a un maggior controllo pubblico, così mandano per strada i lavoratori"
Top

Ex Ilva, Orlando (Pd): "La destra ha detto no a un maggior controllo pubblico, così mandano per strada i lavoratori"

Ex Ilva, Orlando (Pd): "La maggioranza ha bocciato un emendamento alla manovra con il quale chiedevamo di aumentare la partecipazione pubblica nel capitale di Acciaierie d'Italia per assumerne il controllo".

Ex Ilva, Orlando (Pd): "La destra ha detto no a un maggior controllo pubblico, così mandano per strada i lavoratori"
Andrea Orlando
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Dicembre 2023 - 12.48


ATF

L’ex ministro del Lavoro e deputato del Pd Andrea Orlando, sui social ha diffuso un video del suo intervento ieri sera in aula alla Camera, nel corso delle votazioni sulla manovra, denunciando la decisione della maggioranza di destra a proposito della partecipazione pubblica nell’ex Ilva.

“Ieri sera la maggioranza ha bocciato un emendamento alla manovra con il quale chiedevamo di aumentare la partecipazione pubblica nel capitale di Acciaierie d’Italia per assumerne il controllo. Ciò è avvenuto dopo che, sempre nella giornata di ieri, si è tenuto l’ennesimo consiglio di amministrazione di Acciaierie d’Italia che ha deciso per l’ennesima volta, di non decidere”.

“Il Governo non ha deciso perché due ministri, dello stesso partito, non hanno idee convergenti. Con questo emendamento abbiamo chiesto di fare quello che avrebbero dovuto fare un anno fa, fare andare Invitalia in maggioranza nella compagine azionaria di Acciaierie d’Italia”.

“Ci hanno messo un anno per capire che la multinazionale indiana che ha investito in Acciaierie d’Italia non ha più intenzione di proseguire il processo di risanamento e di rilancio. Lo sapeva anche, devo dire, il ministro Giorgetti (mi riferisco a quello che faceva parte del Governo Draghi, perché adesso nel Governo Meloni ce ne deve essere uno omonimo), che aveva non casualmente appostato un miliardo di euro per fare, esattamente, questa operazione”.

Leggi anche:  Salvini in stile Vannacci: "Depositata una proposta di legge per reintrodurre la leva". La destra si spacca

“Avevamo messo in guardia rispetto al fatto di non sprecare quelle risorse che invece il Governo ha dato ad Acciaierie d’Italia per pagare le bollette e non modificare l’assetto della governance della impresa. Questo anno che è trascorso non è stato un anno indolore, ma è stato un anno nel quale si è bloccato il piano di ambientalizzazione, si sono perdute quote di mercato, si è determinato un deterioramento ulteriore degli impianti”.

“Tra qualche settimana si troveranno di nuovo di fronte a questo bivio e dovranno decidere se portare in maggioranza lo Stato o continuare in questa situazione nella quale nessuno si prende la responsabilità di fare alcunché. Sarebbe l’ennesimo paradosso che i sovranisti ci condannassero ad importare acciaio dalla Cina o dall’India. Qual è il concetto di urgenza di questo Governo?”.

“È urgente intervenire per impedire a delle persone di fare delle spiaggiate e per questo si usa il decreto? È urgente intervenire sulla carne coltivata e per questo si dà priorità assoluta a una normativa e non è urgente impedire che si chiuda in Italia la più grande acciaieria d’Europa con il rischio di mandare per strada migliaia di lavoratori?”.

Native

Articoli correlati