Urlo antifascista, la Questura di Milano: "Controllo dovuto alle circostanze, non al contenuto della frase"
Top

Urlo antifascista, la Questura di Milano: "Controllo dovuto alle circostanze, non al contenuto della frase"

Urlo antifascista al teatro alla Scala, la Questura: "L'iniziativa non è stata assolutamente determinata dal contenuto della frase pronunciata, ma dalle particolari circostanze".

Urlo antifascista, la Questura di Milano: "Controllo dovuto alle circostanze, non al contenuto della frase"
Il teatro alla Scala
Preroll

globalist Modifica articolo

8 Dicembre 2023 - 14.49


ATF

Sul caso dell’urlo antifascista di Marco Vizzardelli, alla fine dell’esecuzione dell’inno di Mameli alla prima del teatro alla Scala, la Questura di Milano ha pubblicato una nota per provare a chiarire l’accaduto e spegnere le legittime polemiche che si sono sollevate.

“L’identificazione dei due spettatori presenti in galleria, è stata effettuata quale ordinaria modalità di controllo preventivo per garantire la sicurezza della rappresentazione. L’iniziativa non è stata assolutamente determinata dal contenuto della frase pronunciata, ma dalle particolari circostanze, considerate le manifestazioni di dissenso poste in essere nel pomeriggio in città e la diretta televisiva dell’evento che avrebbe potuto essere di stimolo per iniziative finalizzate a turbarne il regolare svolgimento. La conoscenza dell’identità delle persone ha consentito, infatti, di poter ritenere con certezza l’assenza di alcun rischio per l’evento”.

Leggi anche:  Sandro Pertini, in memoria del partigiano presidente
Native

Articoli correlati