Parisi (Pd) critico con Elly Schlein: "Rinunciare alle Primarie è un voltafaccia che non mi piace"
Top

Parisi (Pd) critico con Elly Schlein: "Rinunciare alle Primarie è un voltafaccia che non mi piace"

Primarie, Parisi critico con Schlein: «Al momento posso solo dire che è una scelta. Una scelta, che non condivido, ora in dichiarato contrasto, e non soltanto occulta ostilità come accadeva troppo spesso in passato».

Parisi (Pd) critico con Elly Schlein: "Rinunciare alle Primarie è un voltafaccia che non mi piace"
Arturo Parisi
Preroll

globalist Modifica articolo

8 Dicembre 2023 - 09.36


ATF

Arturo Parisi, tra i fondatori del Pd, in un’intervista all’AdnKronos ha criticato la scelta di Elly Schlein e di tutta la segreteria dem di non ricorrere alle Primarie per scegliere il candidato sindaco di Firenze – e anche di altre città – in vista delle prossime amministrative. 

«Al momento posso solo dire che è una scelta. Una scelta, che non condivido, ora in dichiarato contrasto, e non soltanto occulta ostilità come accadeva troppo spesso in passato».

«Una scelta in palese discontinuità con la linea di condotta che pochi mesi fa ha consentito a una non iscritta prima di candidarsi e poi conquistare un partito all’inizio non suo. Contrasto e discontinuità oramai sotto gli occhi di tutti. Niente di nuovo sotto il sole della politica che di voltafaccia così ne ha visti innumerevoli e di certo maggiori. Diciamo che è una scelta che alza la posta della sua scommessa. Bisogna proprio che vinca».

«Di certo scegliere di accodarsi a Conte anche contro le primarie in nome della costruzione della alleanza Pd-M5S mentre ci si prepara a una dura competizione tra Pd e M5S è una scelta difficile. Quale e quanto l’errore lo vedremo alla fine, misurando lo scostamento tra l’obiettivo che la segreteria Schlein si proponeva e il risultato raggiunto».

Leggi anche:  Cortei, Elly Schlein: "Inaccettabile mancanza di solidarietà verso gli studenti, Meloni smetta di nascondersi"

«Vedremo presto quale sarà il guadagno della scelta di allinearsi alle usanze del centrodestra rinunciando così alla esibita diversità Pd. E nel contempo vedremo se il risultato della condivisione di spartire a Roma d’amore e d’accordo con Conte città e regioni sarà più lusinghiero del risultato che riuscirà a cogliere in giugno alle Europee a conclusione della gara tra Pd e M5S che sarà tutto all’infuori che d’amore e d’accordo. Ragionamenti, lo so, da politologi che interessano sempre di meno come peraltro tutto quest’agitarsi dei politici in avanti e all’indietro che chiamiamo politica. Anche di questo cercheremo la misura nella attesa crescita delle astensioni».

Native

Articoli correlati