Elly Schlein: "Alleanze in tutti i territori, siamo pronti. Da soli non bastiamo per vincere"
Top

Elly Schlein: "Alleanze in tutti i territori, siamo pronti. Da soli non bastiamo per vincere"

Elly Schlein: "C'è bisogno di tornare in piazza contro i tagli alla sanità pubblica, per la proposta sul salario minino, per il diritto alla casa, dimenticato da questa manovra, così come il diritto allo studio, e anche per il pianeta"

Elly Schlein: "Alleanze in tutti i territori, siamo pronti. Da soli non bastiamo per vincere"
Elly Schlein
Preroll

globalist Modifica articolo

3 Novembre 2023 - 09.45


ATF

Elly Schlein è stata intervistata da Radio 24, un’occasione per fare il quadro della situazione dell’opposizione in vista delle prossime elezioni Europee. “Non faremo una campagna di competizione con le altre opposizioni per contenderci uno zero virgola, ci interessa riattivare la partecipazione. Puntiamo a vincere le elezioni europee, siamo la prima forza di opposizione, puntiamo lì. Ma a questo gioco in cui si vede una competizione con le forze di opposizioni preferiamo mettere sul tavolo alcuni punti, dalla sanità al salario minimo, sui cui lavorare insieme”.

“Stiamo agevolando la creazione di tavoli per una coalizione più ampia in tutti i territori in cui si va al voto. C’è un grande sforzo da parte del Pd per allargare le coalizioni perché sappiamo che da soli non bastiamo. In vista delle regionali e delle amministrative stiamo dialogando in modo unitario con tutti. Alleanze strutturali con M5s e Azione? Ho sempre creduto poco alle non formule astratte ma sui territori stiamo riuscendo. Abbiamo vinto a Foggia e in Abruzzo si è già fatto un accordo che tiene dentro tutte le forze di opposizione con una candidatura importante”.

Leggi anche:  Conte (M5s): "La Sardegna è una lezione per Giorgia Meloni, ora tentiamo l'impresa anche in Abruzzo"

“Come sono i rapporti con i 5s? Da parte nostra sono buoni con tutti, da parte nostra cerchiamo di spingere su alcune battaglie comuni, come il salario minimo su cui abbiamo costretto il governo a rispondere. Spero in Parlamento. Quando uniamo le forze siamo più efficaci”, aggiunge.

“C’è bisogno di tornare in piazza contro i tagli alla sanità pubblica, per la proposta sul salario minino, per il diritto alla casa, dimenticato da questa manovra, così come il diritto allo studio, e anche per il pianeta, lo vediamo in queste ore con il maltempo che si abbate su Toscana e Veneto. E’ una visione del Paese che tiene insieme questione sociale, lavoro, clima e pace”.               

“La manovra è iniqua e senza visione del futuro, fa cassa su poveri, pensioni e addirittura sui servizi alle persone con disabilità. Noi ne denunciamo i tagli. Noi non siamo affatto contrari al taglio del cuneo ma avevamo chiesto fosse strutturale. Siamo di fronte ad una misura per un anno che proroga ciò che c’era nel 2023, giusto in tempo per far passare le elezioni europee. Ai lavoratori non arriverà un euro in più in tasca”. 

Leggi anche:  Manganellate agli studenti, interrogazione del Pd a Piantedosi: "Incompatibili con i principi di uno Stato democratico"

“Calcoliamo che farà risparmiare 14-15 euro al mese di tasse, mentre le stesse persone quando devono curarsi devono scegliere tra andare dal privato, secondo il modello che sta spingendo la destra, o possono aspettare anche due o tre anni per una visita specialistica. C’è qualcosa che non va”, 

“Poi sono inspiegabilmente tornati indietro su alcune cose giuste, come il taglio sull’Iva dei pannolini o assorbenti. La critica è forte. Sono state le stesse imprese a denunciare che non c’è nulla per loro. Perché non mettiamo in campo una misura per incentivare i pannelli solari sui tetti degli edifici industriali e commerciali? Noi presenteremo un emendamento in questa direzione”.

Native

Articoli correlati