Migranti, Provenzano (Pd): "Umiliante aver legittimato il dittatore Saied, la Ue ha sbagliato a seguire Meloni"
Top

Migranti, Provenzano (Pd): "Umiliante aver legittimato il dittatore Saied, la Ue ha sbagliato a seguire Meloni"

Migranti, Provenzano sulla questione tunisina: "Una macchia sulla presidente della Commissione Ue che spero abbia capito l'errore di inseguire nazionalisti come Meloni".

Migranti, Provenzano (Pd): "Umiliante aver legittimato il dittatore Saied, la Ue ha sbagliato a seguire Meloni"
giuseppe provenzano
Preroll

globalist Modifica articolo

15 Settembre 2023 - 10.04


ATF

Peppe Provenzano, responsabile Esteri del Pd, in un’intervista a La Repubblica racconta del suo recente viaggio in Tunisia, dopo la decisione di Saied di chiudere le porte a eventuali visite di delegazioni dell’Europarlamento. L’esponente del Pd ha parlato del recente patto stretto da Giorgia Meloni con il dittatore tunisino.

«Umiliante è aver dato legittimazione politica a un dittatore razzista che calpesta i diritti umani e che aveva già smentito quell’accordo. Per la sua ideologia e nel suo discorso di odio Saied non accetterà mai di trasformare la Tunisia nel campo profughi del vecchio continente».

«Io e Laura Boldrini siamo appena tornati dalla Tunisia e rischiamo di essere gli ultimi parlamentari europei ad aver avuto la possibilità di entrare nel Paese. E’ un fatto gravissimo, specie a due mesi dalla firma del Memorandum di intesa alla presenza di von der Leyen. Segnala un salto di qualità nella costruzione del regime attraverso una rottura con la Ue. Meloni ha trascinato l’Europa nell’umiliazione», sottolinea.

Leggi anche:  Landini (Cgil): "La destra vuole affermare un unico punto di vista e cambiare la Costituzione in modo autoritario"

Per Provenzano «è il fallimento della strategia italiana basata sull’esternalizzazione delle frontiere e resta una macchia sulla presidente della Commissione Ue che spero abbia capito l’errore di inseguire nazionalisti come Meloni. Eppure non dico di non parlare con la Tunisia. Dico di più: l’Europa la sostenga economicamente e socialmente, anche prescindendo dal negoziato con l’Fmi. Ma a delle condizioni: ripristino del processo democratico, rilascio dei prigionieri politici e rispetto dei diritti umani».

Native

Articoli correlati