Maltempo, Bonaccini: "Il commissariamento? La priorità è la ricostruzione"
Top

Maltempo, Bonaccini: "Il commissariamento? La priorità è la ricostruzione"

Bonaccini a La Repubblica: «Il tema non è il nome. Io spero solo che chiunque scelgano non lo facciano per questioni di consenso senza tenere conto delle urgenze. Sarebbe deprimente. Io ora mi occupo di fare l'amministratore».

Maltempo, Bonaccini: "Il commissariamento? La priorità è la ricostruzione"
Stefano Bonaccini
Preroll

globalist Modifica articolo

26 Maggio 2023 - 10.26


ATF

Stefano Bonaccini torna sulla questione del commissariamento della regione Emilia Romagna, in seguito ai drammatici effetti del maltempo e del dissesto idrogeologico del territorio. «Il tema non è il nome. Io spero solo che chiunque scelgano non lo facciano per questioni di consenso senza tenere conto delle urgenze. Sarebbe deprimente. Io ora mi occupo di fare l’amministratore».

«La politica è la mia vita, ma ci sono momenti in cui bisogna metterla da parte e darsi da fare senza tenere conto delle bandiere. Nell’emergenza lo schema politico salta. Io, l’ho già detto, spero solo che il commissario, chiunque sarà, non pensi di poter gestire questa situazione al telefono da Roma. Perché rallenterebbe tutto. Senza un confronto e una collaborazione serrata con gli amministratori di qui, sindaci in primis, la situazione non si risolve. Il rapporto con Giorgia Meloni? Fin qui è stato ottimo. Abbiamo collaborato benissimo, non solo con lei ma anche con molti altri dei suoi ministri».

Leggi anche:  Autonomia differenziata, la proposta del Pd sul referendum abrogativo: "Pronti a ogni iniziativa per fermarla"

Bonaccini assicura che «comunque starò qui a lavorare fino a che non sarà ripartito tutto. Sforzandomi di mantenere lucidità e equilibrio, perché la situazione lo richiede». Poi, si dice soddisfatto dell’impegno preso da Ursula von der Leyen dopo la visita alle terre disastrate. «Ho percepito una grande e reale disponibilità, sono certo che ci aiuteranno. Ne abbiamo bisogno, perché bisogna fare presto. Altrimenti, in queste condizioni, anche un evento atmosferico ordinario potrebbe riportarci indietro. Le priorità sono: strade, frane, argini e canali di bonifica. Vanno rimessi in sesto il prima possibile».

Agli ambientalisti il govenatore si sente di dire che «vanno ascoltati, che il nuovo mondo andrà governato con principi diversi. Se il tema è l’utilizzo di suolo pubblico, abbiamo già tagliato di 11mila ettari lo spazio edificabile. E di altri 11mila ettari lo taglieremo. Fino a arrivare al consumo di suolo a saldo zero», ma «non si commetta l’errore di mettere in contrapposizione ambiente e lavoro, perché sarebbe uno sbaglio madornale». 

Native

Articoli correlati