Fine vita, Bonaccini (Pd): "In Emilia Romagna facciamo quello che il Parlamento non ha coraggio di fare"
Top

Fine vita, Bonaccini (Pd): "In Emilia Romagna facciamo quello che il Parlamento non ha coraggio di fare"

Fine vita, Bonaccini (Pd): "In attesa della legge nazionale, noi abbiamo preso l'iniziativa, forti di quanto previsto dalla Corte che ha dettato criteri rigidi".

Fine vita, Bonaccini (Pd): "In Emilia Romagna facciamo quello che il Parlamento non ha coraggio di fare"
Stefano Bonaccini
Preroll

globalist Modifica articolo

13 Febbraio 2024 - 09.32


ATF

Stefano Bonaccini, intervistato da La Repubblica, ha parlato della legge sul fine vita che la regione Emilia Romagna si appresta a discutere, a differenza di quanto accade a livello nazionale.

«In Emilia Romagna facciamo quello che il Parlamento non ha il coraggio di fare. Il Parlamento si è fatto scavalcare dalla Consulta. In attesa della legge nazionale, noi abbiamo preso l’iniziativa, forti di quanto previsto dalla Corte che ha dettato criteri rigidi».

«In questi anni ho ascoltato tante storie di persone e famiglie nel dolore di una malattia irreversibile e senza nessuna norma certa. Tanti si sentono abbandonati dallo Stato. Non può esserci disciplina di partito precostituita su questo. Sul caso Veneto ho detto subito: nessuna sanzione».

Bonaccini ha poi parlato della necessità dei partiti di centrosinistra di unirsi per creare un’alternativa credibile alla destra di governo. «Credo che se non si vuole lasciare questa destra al governo per i prossimi dieci anni, ben oltre i propri meriti, che mi pare si mostrino inesistenti, ebbene le forze di opposizione devono rimboccarsi le maniche e costruire l’alternativa».

Leggi anche:  Premierato, Bonaccini (Pd): "Il 2 giugno saremo in piazza, protesta legittima per mandare un messaggio al Paese"
Native

Articoli correlati