25 Aprile, Lollobrigida (Fdi) senza vergogna: "E' il fascismo degli antifascisti"
Top

25 Aprile, Lollobrigida (Fdi) senza vergogna: "E' il fascismo degli antifascisti"

25 Aprile, Lollobrigida (Fdi): "Io sono un fervente e convinto sostenitore di chi sconfisse un regime autoritario. Non ho problemi a dirlo. Ma perché non si esce da questo delirio?". 

25 Aprile, Lollobrigida (Fdi) senza vergogna: "E' il fascismo degli antifascisti"
Francesco Lollobrigida
Preroll

globalist Modifica articolo

25 Aprile 2023 - 10.25


ATF

Il 25 Aprile è divisivo solo per coloro che non si vogliono riconoscere nei valori antifascisti dell’Italia e della Costituzione nata dalle ceneri del Ventennio nero. Per questo, non sorprende l’ennesima imbarazzante uscita del ministro dell’Agricoltura, Francesco Lollobrigida che in un’ intervista al «Foglio» cita strumentalmente Pasolini: «Siamo al fascismo degli antifascisti». 

«E’ stato un intellettuale non certo di destra che visse sulla propria pelle, su quella della sua famiglia, il dramma dei totalitarismi del Novecento». Oggi il ministro sarà a Subiaco, «nel mio paese natale, sul sagrato delle vittime del nazismo. Io sono un fervente e convinto sostenitore di chi sconfisse un regime autoritario. Non ho problemi a dirlo. Ma perché non si esce da questo delirio?». 

Forse perché è il ministro della «sostituzione etnica»: «Ignoravo, nel senso che al contrario della sinistra non mi interessano e non mi appassionano, tutte le teorie complottiste. Distinguendo comunque tra razza ed etnie». «Io – aggiunge Lollobrigida – ho giurato sulla Costituzione, ed è il giuramento più importante che ci sia, nelle mani del presidente della Repubblica. La sinistra dice che la Costituzione nasce dall’antifascismo. Ma non va bene. Perché qualsiasi cosa diciamo, la sostanza non cambia: per la sinistra e per un pezzo di opinione pubblica tu non devi esistere. Sono un democratico, ma non sono del Pd. Sono per la libertà, sono contro tutti i regimi totalitari, a partire da quelli che ci furono in Italia. Sono tutte accuse strumentali». 

Leggi anche:  Il 25 Aprile Matteo Salvini presenterà il suo libro a Milano (e potrebbe annunciare la candidatura di Vannacci)

Quanto a Gianfranco Fini: «Noi a Fini non abbiamo fatto nulla, è curioso che ormai venga solo invitato a polemizzare contro la destra, e mai contro la sinistra per raccontare quanto sta facendo il governo. Ci sono cose che non capisco: se non mi sbaglio Fini spinse anche per avere Tremaglia, un ragazzo di Salì, al governo. Ora si diverte e si presta a polemizzare con noi». «Mi auguro – conclude Lollobrigida – che sia festa unificante, nel nome della libertà che non è di destra nè di sinistra. Senza nessuno che alza il ditino e dà patenti o ripetizioni di storia. Ma immagino che qualsiasi cosa faremo e diremo non basterà».  

Native

Articoli correlati