Matteo Renzi, lo show da direttore de Il Riformista: "Non lascio, anzi raddoppio"
Top

Matteo Renzi, lo show da direttore de Il Riformista: "Non lascio, anzi raddoppio"

Con una conferenza alla stampa estera, Matteo Renzi ha parlato della sua nuova avventura come direttore de Il Riformista: "Giorgia Meloni è stata la prima a saperlo".

Matteo Renzi, lo show da direttore de Il Riformista: "Non lascio, anzi raddoppio"
Matteo Renzi
Preroll

globalist Modifica articolo

5 Aprile 2023 - 14.04


ATF

«Voglio essere chiaro e dire subito che non lascio. Anzi, raddoppio». La sua identità sarà «non essere il sovranismo di Giorgia Meloni e nemmeno la linea politica che ha vinto il congresso del Pd con Elly Schlein, e nemmeno quella del M5s di Giuseppe Conte. Non c’è un legame con il Terzo polo – specifica l’ex presidente del Consiglio – il Riformista sarà letto da una parte della maggioranza, il centrodestra riformista, e l’area del Pd che non si riconosce nella Schlein.

«La forza di un giornale sta in questa capacità di riuscire a offrire una verità. Tra i sovranisti e una sinistra radicale c’è un mondo, una maggioranza silenziosa, forse non è maggioranza, ma è sicuramente silenziosa». La novità, racconta sempre Renzi, è stata anticipata a due interlocutori privilegiati, la premier, Giorgia Meloni, e Carlo Calenda, leader designato del Terzo Polo di cui fa parte: «Meloni l’ho chiamata, è stata la prima a saperlo, Calenda mi è parso entusiasta». 

Renzi ha anche specificato che sarà formalmente direttore editoriale e che si tratta di un incarico almeno per ora con un definito orizzonte temporale, verosimilmente in attesa degli sviluppi dello scenario politico. «Sarò direttore per un anno. Poi – butta lì – vedremo che fare da grandi».

Leggi anche:  Renzi sceglie il centro-sinistra e dichiara chiusa l'esperienza del Terzo Polo
Native

Articoli correlati