La destra combatte i diritti civili: "Maternità surrogata? Trattiamola come la pedofilia"
Top

La destra combatte i diritti civili: "Maternità surrogata? Trattiamola come la pedofilia"

Simone Pillon (Lega): «Maternità surrogata delitto internazionale? Sono assolutamente d'accordo. Non si capisce perché non venga perseguito anche in Italia, come si fa con la pedofilia»

La destra combatte i diritti civili: "Maternità surrogata? Trattiamola come la pedofilia"
Pillon
Preroll

globalist Modifica articolo

20 Marzo 2023 - 14.35


ATF

La destra retrograda del governo Meloni si schiera contro i diritti civili e non si ferma al divieto di registrazione all’anagrafe dei figli delle coppie omogenitoriali. Secondo l’ex senatore della Lega Simone Pillon, intervistato da La Stampa, la maternità surrogata sarebbe più grave della pedofilia.

«Si vuole demolire la famiglia, passo dopo passo. Quando tutto si trasforma in famiglia, allora niente più è famiglia. Questo è ciò che si nasconde dietro slogan come «Love is love».

 «Se si dice che due donne o due uomini fanno una famiglia – aggiunge – allora perché non tre o quattro? In Olanda l’amore poliamoroso sta per diventare legge. Si procede per gradi, come ha dimostrato il Pd con una strategia evidente. Prima le unioni civili, poi il ddl Zan. Non è passato e allora adesso usano i media per dare la morte civile a chiunque non si allinei, trattandolo come un medioevale. Il secondo passo sarebbe il matrimonio egualitario, dal quale poi si arriverebbe al tema dei figli, dando il via libera alla genitorialità arcobaleno. Mi stupisce che un partito nato con l’obiettivo di proteggere i diritti del proletariato, ora voglia difendere i diritti di chi i figli li vuole comprare con l’utero in affitto». 

Leggi anche:  Alluvione, Bonaccini (Pd): "Le risorse ci sono ma il governo Meloni ha dato pochi soldi, chiedete a chi ha perso tutto"

Rispetto alle parole di Rampelli, Pillon commenta: «La legge prevede con chiarezza che l’utero in affitto sia un delitto. È reato anche solo farne pubblicità. Non mi pare quindi un termine particolarmente efferato». 

Rispetto all’ipotesi di renderlo delitto internazionale, quindi punibile in Italia anche se commesso all’estero, Pillon afferma: «Sono assolutamente d’accordo. Non si capisce perché non venga perseguito anche in Italia, come si fa con la pedofilia». Sull’adozione ai single «sono molto contrario. Ogni anno ci sono 9 o 10 mila coppie che fanno domanda di adozione e le adozioni che vanno a buon fine sono intorno alle 2 mila».

Dello stesso avviso anche Federico Mollicone, esponente di Fratelli d’Italia. «E’ un reato grave, più grave della pedofilia. Siamo di fronte a persone che vogliono scegliere un figlio come la tinta di casa».

Native

Articoli correlati