Berlusconi e Putin: perché Forza Italia è ancora il partito di Ruby è la nipote di Mubarak
Top

Berlusconi e Putin: perché Forza Italia è ancora il partito di Ruby è la nipote di Mubarak

Dopo l'ennesima esternazione filo Putin lo Stato Maggiore di Forza Italia ha sparato una serie di dichiarazioni giustificazioniste in difesa del padrone negando l'evidenza. Come ai tempi di Ruby.

Berlusconi e Putin: perché Forza Italia è ancora il partito di Ruby è la nipote di Mubarak
Silvio Berlusconi
Preroll

globalist Modifica articolo

13 Febbraio 2023 - 12.21


ATF

Berlusconi, l’amico di Putin, quello che (in buona compagnia) ci ha resi dipendenti dal gas di Putin, quello che descriveva Putin (che aveva già sterminato i ceceni) un sincero democratico e liberale ha Vladimir Putin nel cuore.

Del resto il ‘moderato’ Berlusconi, che resta quello che ha sdoganato i fascisti italiani con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti, sotto sotto ha sempre ammirato Putin e lo ammira anche adesso.

Così più volte – il più volte va sottolineato – ha in qualche modo giustificato l’invasione russa dell’Ucraina, ha parlato degli uomini ‘perbene’ (leggasi governo fantoccio) che Putin voleva mettere a Kiev se l’invasione fosse stata rapida e vincente e manifestato in più occasioni la sua ostilità verso Zelensky e il popolo ucraino.

Nemmeno il miglior propagandista di Mosca avrebbe sperato tanto.

Capita così che il padrone di Forza Italia (padrone perché a Forza Italia non c’è mai stati un Congresso e comanda lui perché è il proprietario alla faccia della democrazia liberale tanto sbandierata) se ne esca l’altro giorno con un’altra vergognosa e imbarazzante esternazione filo-Putin, tra l’altro in contrasto con Giorgia Meloni perché tra reazionari si odiano.

Leggi anche:  Berlusconi, un anno fa moriva il populista che sostituì l'educazione con l'intrattenimento

E che accade? Che lo stato maggiore di Forza Italia, mettendo da parte ogni dignità politica, non solo non abbia manifestato un briciolo di dissenso, ma da bravi servitori e camerieri abbiano sgomitato per rilasciare la migliore dichiarazione giustificazionista in favore del loro padrone.

Abbiamo assistito ad una avvilente raffica di dichiarazioni dei dipendenti berlusconiani sul tono del: ‘ma Silvio vuole solo la pace’, ‘ma no… lui è solo preoccupato che muoiano gli ucraini’, ‘ma noi abbiamo sempre votato per il sostegno all’Ucraina’, ‘Berlusconi non appoggia Putin’.

Siamo in pena per costoro: professionisti, padri o madri di famiglia, benestanti, senatori, deputati che hanno messo sotto le suole la dignità politica pur di compiacere il padrone.

Tutto ciò dimostra che Forza Italia sera ed è rimasto il partito del Ruby è la nipote di Mubarak. Senza vergogna. (E.Con.)

Native

Articoli correlati