Pecoraro Scanio esagera: "Nel Lazio il Pd accetti la leadership di Conte"
Top

Pecoraro Scanio esagera: "Nel Lazio il Pd accetti la leadership di Conte"

L'ex ministro Pecoraro Scanio commenta la candidatura di Donatella Bianchi alle regionali del Lazio per il M5s e chiede al Pd di ritirare D'Amato

Pecoraro Scanio esagera: "Nel Lazio il Pd accetti la leadership di Conte"
Preroll

globalist Modifica articolo

27 Dicembre 2022 - 15.23


ATF

Va bene l’entusiasmo, ma diventare gli Emilio Fede di qualcuno è sempre sbagliato, per quando Giuseppe Conte non sia Berlusconi, gli aedi sono sempre persone che sviliscono il loro ruolo. E da Pecoraro Scanio ci si aspettava maggiore sovrietà.

«Conte ha fatto una scelta di apertura alla società civile con una candidata indipendente, davvero civica, ecologista e progressista. Anche l’elettorato Pd, non schiavo delle correnti, guarderà con simpatia ad una donna, professionista stimata e conduttrice da 25 anni di una delle più belle trasmissioni della Rai».

Lo dice Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della fondazione Univerde e copromotore della rete Ecodigital e del coordinamento 2050, in merito alla candidatura di Donatella Bianchi alle regionali del Lazio per il M5s.

L’ex ministro quindi aggiunge: «Donatella è stata presidente del Wwf e presiede un importante parco nazionale, ha la competenza giusta per guidare la regione Lazio verso un cambiamento Ecodigital di solidarietà e modernità . Il Pd dovrebbe valutare seriamente il ritiro di D’Amato – sottolinea Pecoraro Scanio – e accettare la leadership di Conte per non consegnare la regione alle destre . Del resto i sondaggi e la qualità di questa candidatura dimostrano una capacità di costruzione di un’area ecologista e progressista».

Leggi anche:  Confronto Schlein-Meloni, il M5s protesta: "E' una presa in giro, la Rai non può prestare il fianco a questa violazione"
Native

Articoli correlati