Fratoianni: "Soumahoro? Non mi pento della candidatura, quelli sono i nostri temi"
Top

Fratoianni: "Soumahoro? Non mi pento della candidatura, quelli sono i nostri temi"

Il segretario nazionale di Nicola Fratoianni torna sulle polemiche sulla candidatura di Soumahoro

Fratoianni: "Soumahoro? Non mi pento della candidatura, quelli sono i nostri temi"
Preroll

globalist Modifica articolo

27 Novembre 2022 - 16.40


ATF

Soumahoro, è stato un errore candidarlo. «Io non mi pento della scelta, spero che l’evoluzione della vicenda porti a una assoluzione e comunque mi occuperò di tutelare chi su questo fronte continua a lavorare». Lo ha detto Nicola Fratoianni parlando a `Mezz’ora in più´ del caso Soumahoro.

Fratoianni ha rivendicato il fatto che lui e il suo partito da sempre portano avanti lotte su quel fronte: «Su questo terreno abbiamo combattuto – ha sottolineato – spesso in assoluta solitudine perché» sono temi che «non portano voti».

«Prima di entrare in Parlamento, da assessore, ho portato l’acqua» alle persone che lavoravano nei campi. E, da quell’osservatorio, lo ha incalzato Annunziata, non si era accorto del `business Soumahoro´? «Ma chi lo sapeva del business Soumahoro? Se ho una segnalazione che non riguarda illeciti questo mette in discussione una figura che aveva fatto lotte in quell’ambiente ma che dal mio punto di vista rafforzava un lavoro che stavamo facendo su un certo terreno?».

Leggi anche:  Julian Assange, Fratoianni: "La Corte di Londra gli ha dato ragione, ora venga liberato per potersi difendere"

«C’è un cortocircuito molto problematico – ha osservato però – tra ciò che interpreta una battaglia e comportamenti, scelte che possono mettere in difficoltà quella battaglia».

Native

Articoli correlati