Top

Tajani alla Ue: "Vogliamo un'Italia che conti come Francia e Germania"

Tajani al Corriere della Sera: "Rafforzare e sostenere la nostra presenza a Bruxelles, dove già abbiamo delle eccellenze, sarà una delle nostre priorità".

Tajani alla Ue: "Vogliamo un'Italia che conti come Francia e Germania"
Antonio Tajani

globalist Modifica articolo

31 Ottobre 2022 - 15.43


Preroll

Antonio Tajani, neo ministro degli Esteri nel governo Meloni, intervistato dal Corriere della Sera ha sottolineato la necessità di riportare l’Italia sui tavoli che contano nei consessi internazionali, a partire dalla Ue.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Investiremo sempre di più sulle istituzioni comunitarie. Una delle mie prime decisioni è stata quella di aumentare il numero dei diplomatici nella nostra Rappresentanza presso la Ue: dobbiamo contare di più in quella sede. E sarà un aumento importante, che ci porterà più in linea con il peso, anche del personale, che hanno Germania e Francia. Rafforzare e sostenere la nostra presenza a Bruxelles, dove già abbiamo delle eccellenze, sarà una delle nostre priorità”.

Middle placement Mobile

“È chiaro che il nostro obiettivo è raggiungere la pace, ma non può esserci pace senza giustizia, dunque senza indipendenza di Kiev”, dice poi Tajani parlando della guerra in Ucraina. “È la difesa dei valori in cui crediamo, che ha un costo anche economico, come stiamo sperimentando, ma bisogna sempre partire da un dato – aggiunge – c’è un invasore e una parte che ha subito un’aggressione. Sicuramente, quando sarà il tempo, saremo chiamati a un ruolo non secondario, compreso il processo di ricostruzione dell’Ucraina, che prima o poi arriverà”. 

Dynamic 1

La “nostra posizione è sempre stata chiara, in tutte le sedi istituzionali, anche al Parlamento europeo, dove tutti, compreso Berlusconi, abbiamo votato testi molto duri contro l’invasione – ricorda il ministro -. La Russia è un Paese che si è volontariamente allontanato dall’Occidente, ma questo non significa che non si debba lavorare per la pace”. Tutte le scelte, “nostre di Forza Italia, così come quelle della Lega e del partito della Meloni sono inequivocabili, schierate insieme alla Ue e agli Stati Uniti, a favore dell’Ucraina”. Sull’accordo disdetto da Putin sul grano, Tajani non ha dubbi: “Significa togliere cibo a milioni di persone in povertà, anche questo significa macchiarsi di gravi azioni contro l’umanità”.

I prossimi passi in avanti nei Trattati della Ue dovrebbero essere per “rafforzare la democrazia delle istituzioni, dando il potere di iniziativa legislativa al Parlamento europeo. Poi arrivare a una vera Difesa comune”, sottolinea poi Tajani.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile