Top

Ucraina, Guerini: "Nessun centimetro dell'Europa e della Nato può essere attaccato"

Il ministro della Difesa Lorenzo Guerini annuncia l'invio di armi a Kiev, mentre 34 italiani sono bloccati in Ucraina. Di Maio: "Sono intrappolati e non riescono a lasciare il paese"

Ucraina, Guerini: "Nessun centimetro dell'Europa e della Nato può essere attaccato"
Lorenzo Guerini

globalist

14 Marzo 2022 - 09.52


Preroll

Il ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha annunciato che anche l’Italia invierà armi all’Ucraina, e sta partecipando alle operazioni difensive come membro delle Nazioni Unite. “La Nato è un’alleanza difensiva. Noi come Italia abbiamo un contingente in Lettonia, i nostri aerei che volano in Romania e stiamo partecipando alle misure di rafforzamento della deterrenza per far capire a Putin che nessun centimetro dell’Europa e della Nato può essere attaccato“. Il ministro ha spiegato inoltre che, dopo “una risoluzione unanime del Parlamento” anche l’Italia invia armi in Ucraina.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Sono 400 italiani in Ucraina, 34 dei quali sono bloccati

Middle placement Mobile

Il ministro degli Esteri Di Maio ha fatto il punto della situazione sugli italiani in Ucraina: “Erano in 2000 gli italiani in Ucraina. Oggi sono 400, ne abbiamo salvati già 200. Dei 400, in 34 sono bloccati. Ci stiamo lavorando ogni giorno. Grazie a unità dì crisi per lavoro”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

Dynamic 1

“Gli italiani in Ucraina erano inizialmente 2.000, ora sono 400. Molti di loro vogliono rimanere perché hanno la loro vita in Ucraina, con mogli e figli. Ma alcuni sono purtroppo intrappolati, non riescono a lasciare il Paese“, ha detto l’ambasciatore d’Italia in Ucraina, Pier Francesco Zazo, intervistato a Che tempo che fa su Rai 3 in collegamento da Leopoli. “Il fatto che l’ambasciata italiana sia ancora presente in Ucraina rappresenta un aspetto importante, apprezzato dal governo ucraino, ma anche un sostegno psicologico per gli italiani presenti”, ha aggiunto Zazo.

“Militarmente parlando, la Russia è superiore. Potrà arrivare con i carri armati al centro delle città ucraine, ma poi non sarà in grado di insediare un regime fantoccio filo-russo. Persino nelle città già conquistate c’è una sollevazione popolare”, ha detto l’ambasciatore. “C’è un forte sostegno popolare per Zelensky, è in corso una lotta per la libertà” e “c’è il rischio di una guerriglia urbana, che potrebbe diventare in futuro una lotta partigiana”, ha aggiunto l’ambasciatore Zazo.

Dynamic 2

“Gli sforzi negoziali avviati da Israele e dalla Turchia non hanno sortito i frutti attesi. Non è facile, perché il negoziato tra i russi e gli ucraini è un negoziato asimmetrico. Zelensky ha dato la sua disponibilità a cedere sul Donbass, sulla Crimea, probabilmente anche su Mariupol, se dovesse perderla, è pronto a fare concessioni sulla neutralità, ma il vero problema è rappresentato dalla smilitarizzazione, perché gli ucraini non si fidano”, ha detto l’ambasciatore.

“I bombardamenti non sono arrivati a Leopoli. Speriamo che l’escalation militare non arrivi anche qui. C’è molta trepidazione perché i russi hanno accerchiato le grandi città. La vita a Leopoli prosegue in modo quasi normale, ma si sente la tensione”, ha detto l’ambasciatore in collegamento da Leopoli, dove, ha ricordato, “tra i grandi Paesi del G7 ci sono solo le ambasciate di Italia e Francia”, mentre “la maggioranza degli altri si sono spostati in Polonia”. “Putin non potrà mai accettare l’umiliazione di una sconfitta militare. L’orgoglio russo si bassa soprattutto sulla potenza militare. Non credo a una guerra mondiale perché la Nato non la vuole, ma il momento è abbastanza pericoloso”, ha detto l’ambasciatore Zazo.

Dynamic 3
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile