Top

Bobo Craxi: "La guerra in Ucraina figlia del capitalismo della globalizzazione"

Sulla guerra in Ucraina e i rapporti con Putin parla il politico socialista, già sottosegretario agli Esteri: "Di Putin siamo stati poco amici e poco nemici. Per questo non contiamo nulla”

Bobo Craxi: "La guerra in Ucraina figlia del capitalismo della globalizzazione"
Bobo Craxi

globalist

14 Marzo 2022 - 16.22


Preroll

di Antonello Sette

OutStream Desktop
Top right Mobile

Bobo Craxi, la guerra in Ucraina va avanti inesorabilmente, seminando morti e sofferenze indicibili. Una guerra atroce, di cui non si intravvede uno sbocco e, tantomeno la fine…

Middle placement Mobile

I russi pensavano la guerra fosse poco più di un briefing, spiega l’ex sottosegretario agli Affari Esteri rispondendo a SprayNews. Non è andata evidentemente così e c’è il fondato timore che il prolungamento della guerra possa comportarne anche l’allargamento. Di fatto, una crisi regionale e territoriale è già diventata una crisi internazionale, perché le economie sono interdipendenti l’una dall’altra. Questa guerra è figlia del capitalismo della globalizzazione o, se lo preferite, della globalizzazione in sé. Di una globalizzazione, che non ha saputo trovare un equilibrio politico su cui fondare le sue ragioni. 

Dynamic 1

Con quali conseguenze?

Siamo ritornati, come nel gioco del domino, da capo a dodici, allo scontro fra le superpotenze perché non esiste, e non può esistere, un equilibrio, che sia fondato soltanto sulla libera circolazione delle economie. E’ inevitabile che, in assenza di un equilibrio prestabilito, i sistemi politici, entrino in contraddizione. Il male minore resta il raggiungimento di un punto di equilibrio fra le reciproche dipendenze. L’Europa, in questo momento, avrebbe bisogno di tempo per sciogliersi dalla dipendenza energetica dalla Russia. Neppure al tempo della guerra fredda noi eravamo così condizionati dall’economia russa. Con una battuta potremmo dire che si è avverata la profezia di Lenin, secondo la quale sarebbe stato il capitalismo a offrire la corda con cui impiccarlo. In buona sostanza, è l’Occidente libero a essersi messo in una trappola, rendendosi troppo dipendente dall’economia russa.

Dynamic 2

Come si esce, ammesso che se ne possa uscire, dalla trappola in cui ci siamo messi?

Rinegoziando con la Russia i modi e i tempi di uscita dalla dipendenza. Non si può staccare da un momento all’altro la spina. E questo vale non solo per l’Occidente, ma anche per la Russia. Da una parte la riconversione ecologica dell’Occidente non può avvenire nei tempi che sarebbe necessari per liberarsi dal vassallaggio. Dall’altro, questa riconversione ecologica in itinere è motivo di preoccupazione e di sbandamento per la Russia. E’ per questo che la pace conviene a entrambe le parti. La Russia è una potenza nucleare che campa solo sulla vendita delle proprie materie prime. La Russia, di per sé, non produce niente.

Dynamic 3

La via per una pace, che converrebbe  a tutti, la stanno inseguendo la Francia con Macron, che ha aperto un filo diretto con Putin e, in modo più sotterraneo, la Germania. Il nostro ministro degli Esteri Di Maio, ha prima dato a Putin dell’animale e poi, più che la pace, inseguito forniture energetiche alternative…

La posizione italiana è debolissima non solo perché siamo il Paese più esposto dal punto di vista economico rispetto la Russia, ma anche per una ragione più nascosta. Non ho ancora letto un sondaggio, e credo non sia un caso, su che cosa pensano gli italiani. Purtroppo la fascinazione del neoimperialismo di Putin e quella fascio-cattocomunista influenzano la percezione che si ha di questa guerra. Gli italiani a me sembra siano genericamente contro la guerra e a favore della pace, ma sotto sotto non capiscano per quale ragione il popolo ucraino si stia dannando l’anima e non si arrenda.

Dynamic 4

Si parla molto, e da più parti, di responsabilità generali dell’Occidente. Restando dentro i confini di casa nostra, che cosa avrebbe potuto fare l’Italia nel suo piccolo per scongiurare la tragedia della guerra?

Abbiamo avuto in mano una carta, che non abbiamo giocato. Putin, prima che la guerra scoppiasse, si è rivolto a noi, ha ricevuto i nostri imprenditori, ha chiesto a Draghi di fare da mediatore o comunque di esercitare un ruolo. Era in quel momento che noi avremmo potuto assumere una posizione fra virgolette neutralista e, quindi, diplomaticamente efficaci. Nascondendo, invece, la testa sotto la sabbia, non siamo diventati né carne, né pesce. Poco amici di Putin e poco non amici. Come a dire, coperti e scoperti.

Dynamic 5
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile