Top

Andrea Orlando guarda alla Germania e apre alla legalizzazione delle droghe leggere

Il ministro ha auspicato che la Conferenza possa mettere una "pietra tombale sulla tentazione di immaginare una via italiana alla lotta alla droga. La lotta alla droga può essere solo globale e la scala minima è quella europea.

<picture> Andrea Orlando, ministro del Lavoro </picture>
Andrea Orlando, ministro del Lavoro

globalist

27 Novembre 2021


Preroll

Il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, è intervenuto alla VI Conferenza Nazionale sulle Dipendenze, ed ha invitato la “politica” a resistere ed a “fare su questo tema delle campagne elettorali” superando “l’approccio meramente repressivo che non si è fatto carico delle fragilità”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Dopo anni di “annunci di tolleranza zero” e “dichiarazioni di guerra”, se la guerra non è stata persa “sicuramente non è stata vinta”. Bisogna “andare oltre le ipocrisie. Perché la droga riguarda i giovani e non solo, le fasce vulnerabili della società ma anche le cosidette élite”.

Middle placement Mobile

Occorre, per Orlando, “andare oltre lo stigma” per “passare da un welfare del reddito a un reddito delle persone, costruire condizioni tra un welfare più intelligente di quello di cui disponiamo e il terzo settore”. Se “sapremo superare questi rischi sapremo dare delle risposte congrue”, ha aggiunto.

Dynamic 1

Negli ultimi anni c’è stato “più di un morto al giorno per overdose – ha ricordato il ministro – Allora forse questo ha molto a che vedere con la solitudine, saranno 10,2 milioni gli italiani che nel 2040 vivranno da soli. Chi opera sul campo sa che non ci sono scorciatoie. Serve una strategia ampia” che coinvolga “famiglia, scuole, sistema sociale e sanitario, il lavoro nella sua accezione più ampia”.

Il ministro ha auspicato che la Conferenza possa mettere una “pietra tombale sulla tentazione di immaginare una via italiana alla lotta alla droga. La lotta alla droga può essere solo globale e la scala minima è quella europea. Negli strumenti di contasto serve un salto di qualità, realizzare il contrasto alle mafie, la piena attuazione della convenzione del trattato di Lisbona su una procura europea”. E guardando alla Germania, “partner non irrilevante” che “sembra cambiare profondamente linea su questo fronte, qualche riflessione andrebbe fatta anche nel nostro paese”, ha concluso.

Dynamic 2

Nell’accordo di governo tra Spd, verdi e liberali tedeschi si prevede anche la legalizzazione della cannabis e il controllo sulla qualità a la distribuzione.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage