Top

Di Battista attacca il M5s: "Sono irrilevanti, sudditi del Draghistan"

L'ex esponente del movimento: "Mio ritorno nel M5s? Dovrebbero disconoscere il 90% di quello che hanno fatto in questi ultimi 9 mesi. Non credo che abbiano il coraggio di farlo".

Alessandro Di Battista

globalist

25 Novembre 2021


Preroll

Alessandro Di Battista torna alla carica e ribadisce la sua totale indisposizione a tornare nel Movimento che non riconosce più come casa sua da molto tempo. “Il Movimento oggi è drammaticamente irrilevante. Più che sul Pd sono sudditi più o meno inconsapevoli del Draghistan”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Il ritorno in piazza (a fare comizi), il futuro del Quirinale, il vaccino, la suggestione di un progetto comune con Virginia Raggi: Di Battista esce allo scoperto.

Middle placement Mobile

“Mio ritorno nel M5s? Dovrebbero disconoscere il 90% di quello che hanno fatto in questi ultimi 9 mesi. Non credo che abbiano il coraggio di farlo”.

Dynamic 1

“Fatico – prosegue Di Battista al Corriere – a salvare qualcosa di un governo composto da Salvini, Berlusconi, Renzi e presieduto da Draghi. Sull’elezione per il presidente della Repubblica: “Berlusconi ha lodato il Reddito di Cittadinanza? «Captatio benevolentiae.

Vuole il Quirinale. Tra un po’ dirà che ho fatto bene a leggergli la sentenza Dell’Utri sotto casa”. Di Battista apre anche ad una sua possibile candidatura alle prossime politiche e sceglie già una sua alleata.

Dynamic 2

“È importante vedere quanto consenso abbiano determinate battaglie. Mi piacerebbe fare un progetto insieme a Virginia Raggi. Sono sempre più convinto che abbiamo perso una grande sindaca”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage